rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Cronaca

Indipendentisti in piazza contro il Governo per dire "no" all'autonomia differenziata

I manifestanti si sono radunati intorno alle 17.30 davanti al Teatro Massimo sventolando bandiere della Sicilia dietro un grande striscione con scritto: "Autonomia differenziata, ingiustizia legalizzata"

Un forte "no" contro il disegno di legge sull'Autonomia differenziata presentato e ormai approvato dal Consiglio dei Ministri, arriva da Palermo, dove questo pomeriggio si è svolta la prima manifestazione cittadina promossa dalle organizzazioni indipendentiste Siciliani Liberi e Trinacria. I manifestanti si sono radunati intorno alle 17.30 a piazza Verdi, sventolando bandiere della Sicilia dietro un grande striscione con scritto “Autonomia differenziata, ingiustizia legalizzata”.

"Con l’autonomia differenziata il Governo italiano vuole portare altre risorse e servizi a un Nord già privilegiato - spiega Ciro Lomonte di Siciliani Liberi -. Noi attendiamo inutilmente dal 1946 l’attuazione dello Statuto e siamo ogni giorno calpestati e offesi, mentre i più forti sono accontentati subito. Noi non siamo contrari alle autonomie e non crediamo che lo Stato centrale, che ha sempre discriminato il Sud e le isole, possa ridarci quella pari dignità che ci spetta, ma questa autonomia differenziata è una ingiustizia legalizzata". 

L’eventuale applicazione di questa autonomia differenziata certamente segnerà un cambio di passo importante all’interno dello Stato italiano: consentirà, infatti, alle regioni a statuto ordinario di chiedere a Roma la possibilità di legiferare su materie centrali come la sanità, l'istruzione, la tutela dell'ambiente o la produzione dell'energia. Insieme alle competenze, le regioni potranno anche trattenere il gettito fiscale, che non sarebbe più distribuito su base nazionale a seconda delle necessità collettive. La proposta è sempre stata uno dei cavalli di battaglia della Lega, che ha sostenuto le richieste di Veneto, Lombardia ed Emilia-Romagna.

Nel frattempo, il fronte del “no” in Sicilia, come in altre regioni del Sud, è rappresentato non solo da organizzazioni indipendentiste, ma anche da agricoltori, sindacati, cittadini e, soprattutto, sindaci e amministratori locali. "L’applicazione dell’autonomia differenziata sarà funzionale all’arricchimento delle regioni già più ricche - ha affermato Elio Di Piazza di Trinacria - portando a un crollo sociale ed economico delle regioni più povere. Quando, da qui a qualche anno, arriveranno ancora meno risorse per i bisogni primari della popolazione, ai siciliani non resterà che unirsi alla massa di emigrati, obbligati a fuggire dalla propria terra perché qui non si riesce a vivere, cercando un futuro migliore altrove, magari proprio al Nord Italia, dove le cose sembrano funzionare meglio grazie ai soldi sottratti alla nostra isola".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Indipendentisti in piazza contro il Governo per dire "no" all'autonomia differenziata

PalermoToday è in caricamento