Commessa ristorazione degenti presidi ospedalieri Asp 6, indetto sciopero dalla Cub

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Domani (23 ottobre 2020) l'organizzazione sindacale Flaica Cub di Palermo, unitamente ai lavoratori della commessa ristorazione degenti presidi ospedalieri Asp 6 Palermo aderiscono allo sciopero nazionale indetto dalla Cub (Confederazione Unitaria di Base) La commessa è gestita in Ati da La Cascina Global Service di Roma per il 70% e Nuova Cucina Sicilia di Piana degli Albanesi per il 30%. I Lavoratori di quest'ultima , circa 20, non ricevono stipendi dal giugno 2020 a causa di mancati trasferimenti da parte della Capogruppo La Cascina Global Service.

L'Organizzazione Sindacale ha organizzato vari sit in in prefettura e all'Asp 6 di Palermo ove sono state illustrate le difficoltà dei lavoratori e proposto ai dirigenti dell'Asp 6 di Palermo di attuare l'intervento sostitutivo come previsto dal codice degli Appalti. Ad oggi non si è avuta alcuna risposta ne dalle aziende ne dalla committente. In riferimento allo sciopero, non sono stai richiesti ne la garanzia dei servizi minimi ne è giunta convocazione per le precettazioni, ne alcun lavoratore è stato precettato. Pertanto i lavoratori esausti e disperati saranno liberi di aderire allo sciopero e non saranno garantiti i servizi per la ristorazione ai degenti e la cui responsabilità non potrà ricadere sui lavoratori, la cui causa di eventuali disservizi o mancata erogazione del servizio, va ricercata nell’assordante silenzio e nell’inerzia delle istituzioni e della committenza e affidatari nei riguardi delle mancate retribuzioni ai lavoratori della Nuova Cucina Siciliana.

Riterremmo irricevibili eventuali tardive precettazioni, mentre riterremo utili e positive eventuale dichiarazioni ufficiali da parte della committenza per la immediata soluzione della Flaica Cub Palermo.

Torna su
PalermoToday è in caricamento