Usano mamma invalida come "bancomat" e la lasciano in strada: arrestati due giovani fratelli

Continue estorsioni di denaro, minacce gravi, ingiurie e danneggiamenti: in manette un 21enne e un 19enne. Donna umiliata e costretta a esaudire ogni 'capriccio' dei figli che, per procurarsi da bere o da fumare, approfittavano di lei

La madre invalida per anni è stata vittima dei suoi due figli: continue estorsioni di denaro, minacce gravi, ingiurie e danneggiamenti. Adesso per l'incubo è finito. La polizia ha arrestato due fratelli di 19 e 21 anni (M.C. e T.C. le rispettive iniziali) eseguendo così un provvedimento di custodia cautelare in carcere emesso dal Gip del Tribunale di Palermo.

A svolgere le indagini sull’accaduto sono stati i poliziotti del commissariato Zisa-Borgo Nuovo. "E' stata una complessa attività di indagini che si è sviluppata e conclusa in un breve volgere di tempo - raccontano dalla questura -. Tutto ha avuto origine dalla denuncia da parte della madre invalida, vittima per diversi anni delle vessazioni dei due giovani figli. La donna era stata costretta ad acconsentire a qualsiasi richiesta dei due giovani che, per procurarsi da bere o da fumare, approfittavano di lei, soggiogandola e maltrattandola. In un’occasione l’hanno persino svegliata nel cuore della notte per farsi accompagnare in una rosticceria del centro per consumare del cibo e, una volta ottenuto da lei il 'contributo economico' per pagare quanto acquistato, l’hanno lasciata per strada, costringendola a tornare da sola a casa".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La donna è stata anche costretta per un periodo a trasferirsi in un altro appartamento, a causa delle continue angherie dei due figli che, per recuperare denaro, si erano spinti addirittura fino a vendere gli elettrodomestici e i gioielli presenti nella casa di famiglia. L'incubo è finito quando si è materializzata la polizia che ha arrestato i due giovani fratelli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Covid e la paura di un nuovo lockdown, Miccichè: "Sarebbe morte Sicilia"

  • La corsa in ospedale e la disperazione, bambino di 3 mesi muore al Di Cristina

  • In Sicilia nuova ordinanza anti Covid: ingressi limitati nei locali, più controlli e stretta sui migranti

  • Maltempo in arrivo: temporali e rischio grandine, scatta l'allerta meteo

  • Coronavirus, in Sicilia accertati altri 29 nuovi positivi: tre a Palermo

  • Suicidio in via Guido Cavalcanti, commerciante di 62 anni si toglie la vita

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento