Cronaca Montepellegrino / Via dei Cantieri, 75

"Aiuto, mi picchia": mamma chiama la polizia e fa arrestare il figlio

E' successo nella zona dei Cantieri navali. In manette un trentenne. Nel corso di un'altra operazione gli agenti sono interventi in un'abitazione del Cep per bloccare un uomo dopo la chiamata della moglie

Maltrattamenti in famiglia. Con questa accusa la polizia ha arrestato due uomini nel corso di due diverse circostanze. La prima operazione è stata effettuata in un’ abitazione del Cep. Le volanti sono entrate in azione dopo la chiamata di una donna. "A sollecitare l'intervento degli agenti - dicono dalla questura - è stata la moglie di un uomo violento e spesso ubriaco che, grazie all’aiuto della figlia e della suocera, è riuscita a divincolarsi dalla presa del marito, chiedendo aiuto alle forze dell’ordine. I poliziotti, dopo avere ascoltato i testimoni dell’aggressione, hanno arrestato l’uomo".

Stessa sorte toccata a un 30enne, convivente con la madre in un appartamento della zona dei Cantieri Navali. "Alle prevaricazioni nei confronti dell’anziana madre - raccontano dalla questura - il giovane ha sommato l’incuria nei confronti del cane di famiglia. Quando infatti la madre lo ha richiamato ad un comportamento più responsabile nei confronti del cane che lei stessa non avrebbe potuto accudire a causa di sue patologie, nella testa del trentenne è scattata la scintilla della violenza e dell’aggressione: la donna è stata costretta a rintanarsi in balcone e da lì a chiamare aiuto. Il figlio è stato quindi arrestato dai poliziotti dell’ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Aiuto, mi picchia": mamma chiama la polizia e fa arrestare il figlio

PalermoToday è in caricamento