rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Cronaca Termini Imerese

Termini in ginocchio per il maltempo, decisa la chiusura di scuole e ville comunali

La città è stata colpita da un violento nubifragio e, anche alla luce dell'allerta meteo arancione, il sindaco ha disposto lo stop alle attività didattiche: "Atto che ci consente di accertare eventuali danni alle strutture, ma che serve anche a limitare gli spostamenti". Chiesta alla Regione la dichiarazione dello stato di calamità naturale

Scuole chiuse domani a Termini Imerese per il maltempo. Il sindaco Maria Terranova ha firmato un'ordinanza che interessa gli istituti di ogni ordine e grado. Cancelli chiusi anche per ville e giardini, per la biblioteca comunale, gli asili nido e il cimitero. Il paese è stato colpito da un violento nubifragio che ha causato diversi danni. "Un evento di proporzioni immani e inaspettate. L'allerta meteo era gialla, erano previsti pochi millimetri di pioggia, ma la realtà è stata ben diversa. Il torrente Barratina è uscito dagli argini davnti ai miei occhi, ci sono state interruzioni di corrente e dei servizi di telefonia. Ci sono stati danni ingenti a infrastrutture, abitazioni e aziende", ha detto il sindaco nel corso di una diretta Facebook

Trombe d'aria, grandinate e fango sulle strade: nubifragio nel Palermitano

"Abbiamo preso la decisione di chiudere le scuole - ha spiegato Terranova - sia per consentire la necessaria verifica di eventuali danni sia per limitare gli spostamenti. Per domani è stata diramata dalla Protezione civile l'allerta arancione e la chiusura delle scuole non è automatica - ha sottolineato - ma abbiamo deciso di disporre lo stop delle attività, anche se i dirigenti dovranno garantire il presidio dei plessi, per fare tutti gli accertamenti del caso e poi consentire il ritorno di alunni e personale in condizioni di assoluta sicurezza".

Fiume di fango e detriti su Termini Imerese | Video

Nel pomeriggio le strade di Termini si sono trasformate in fiumi, soprattutto nella parte bassa della città. Alcuni negozi e scantinati sono stati invasi dall'acqua, disagi anche in via Libertà e nella zona del porto. Anche il traffico ferroviario, tra Termini e Roccapalumba, è stato interrotto.

Il fango invade i binari, stop ai treni | Video

Il sindaco ha poi annunciato che verrà chiesta alla Regione la dichiarazione dello stato di calamità naturale. "Le precipitazioni hanno causato ingenti danni - ha sottolineato Terranova - e nei prossimi giorni proseguiranno i controlli. Stiamo predisponendo un modello per la raccolta delle segnalazioni da parte dei privati. La Giunta chiderà lo stato di calamità per potere ottenere le risorse necessarie".

Solidarietà al comprensorio termitano e al mondo del lavoro per i gravi danni subiti per il violento nubifragio della Cgil. “Non è ammissibile che - dichiara Laura Di Martino, responsabile Camera del Lavoro zonale Termini  Imerese e dipartimento artigianato Cgil Palermo - eventi meteorologici di questa portata, dovuti al cambiamento climatico in atto, riescano a mettere in ginocchio un territorio già minato dalla mancanza di lavoro. Ribadiamo che occorre una manutenzione ordinaria e costante del territorio e una programmazione strategica dei lavori contro il rischio idrogeologico, per fermare il pericolo crolli di infrastrutture e edifici  partendo dall ammodernamento dei sistemi fognari e di depurazione, ripristino delle aree verdi, consumo di suolo zero. Laddove venisse approvato lo stato di calamità naturale – conclude Di Martino - ricordiamo a tutte le imprese artigiane e ai loro dipendenti che l’ente bilaterale dell'artigianato siciliano eroga contributi a fondo perduto per coprire il 30 per cento delle spese dei danni subiti, fino a un massimo di 5mila euro. Mentre per i lavoratori sarà  possibile avere un contributo per  gli eventuali giorni di riduzione o sospensione dell'attività lavorativa. La Cgil è a disposizione per informazioni e  assistenza nella compilazione delle domande,  con lo sportello Ebas attivo presso la Camera del Lavoro di Termini Imerese". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Termini in ginocchio per il maltempo, decisa la chiusura di scuole e ville comunali

PalermoToday è in caricamento