Si sente male durante una ciaspolata a Pizzo Carbonara: salvato dal soccorso alpino

L'escursionista, 40 anni, ha accusato crampi e rischiato l'ipotermia. I tecnici del Sass lo hanno raggiunto, caricato sulla speciale barella sked e trasportato in guardia medica a Piano Battaglia

Stava facendo una ciaspolata a Pizzo Carbonara, sulle Madonie, con un gruppo di amici quando, giunto vicino Pizzo Scalonazzo, si è sentito male: ha iniziato ad avvertire i primi sintomi di ipotermia e crampi. Sul posto sono intervenuti cinque tecnici della stazione Palermo-Madonie del Soccorso alpino e speleologico siciliano, allertati intorno alle 16:50. 

V. N., 40 anni, dopo aver ricevuto i primi soccorsi è stato caricato sulla speciale barella sked e trasportato - con non poca difficoltà dovuta all’abbondante neve fresca presente - per oltre 600 metri, utilizzando ancoraggi naturali, verso il punto carreggiabile più vicino. L’escursionista è stato poi trasportato in guardia medica a Piano Battaglia. 

L’intervento dei tecnici del soccorso alpino si è concluso alle 18:30. Le squadre che ieri si trovavano a Piano Battaglia per il presidio in convenzione con la Città Metropolitana di Palermo non hanno fatto nessun intervento.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Catania, coinvolto il cantante De Martino: morto un sessantenne

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: "Un esercito di medici per contrastare il Covid"

  • Apre a Palermo l'Antica pizzeria da Michele, dopo Napoli è l'unica del Sud Italia

  • Omicidio a Camporeale, colpi di pistola in piazza: morto un ragazzo di 26 anni

  • Maestra positiva al Covid e classe d'asilo in quarantena, i genitori: "Comunicazione arrivata tardi"

  • Condannato a 5 anni il questore di Palermo: "Caso Shalabayeva, fu sequestro di persona"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento