Mercoledì, 4 Agosto 2021
Cronaca

Boom di malati e problemi neurologici a Palermo, sos dei medici: la pandemia ha bloccato l'assistenza

Allarme degli esperti impegnati nel capoluogo per verificare l'impatto dell'emergenza sanitaria. Rilevato un aumento del 12% dei disturbi nei giovani e del 60% negli adulti. Il presidente del Congresso nazionale sulla disabilità, Montera: "In città negati i diritti dei più deboli". Vertice con gli esponenti di Comune, Regione e ministero della Salute

Foto Ansa

Boom di malati neurologici a causa della pandemia. A lanciare l'allarme sono gli esperti riuniti nel capoluogo per verificare l'impatto dell'emergenza sanitaria sull'assistenza ai pazienti. Gli specialisti del Congresso nazionale sulle disabilità rilevano un aumento del 12 per cento dei disturbi neurologici nei giovani e del 60 per cento negli adulti. La pandemia, spiegano nei loro dossier, ha provocato una difficoltà di accesso alla diagnosi e alla cura: da un lato si è registrata un’incidenza significativa di complicanze neurologiche nei pazienti a causa dei mancati ricoveri; dall’altro si  riscontrano sintomi neurologici neurodegenerativi in netto incremento a causa dell'assistenza rallentata. La paura del contagio e l'ansia depressiva per il lockdown  hanno provocato indirettamente il vertiginoso aumento dei casi da trattare oggi in urgenza, sottolineano i medici.

"Occorre agire per assicurare a tutti l'assistenza adeguata" afferma Gabriele Montera, presidente del Congresso oltre che leader di "Una lotta X la vita" e del comitato "I Love Palermo" promotori del convegno "Le patologie neurologiche: invalità e inclusione" in programma venerdì 25 giugno alle ore 10,30 al cine teatro De Seta ai cantieri culturali della Zisa, in via Paolo Gili 4. Previsti gli interventi dell'assessore comunale alla Cittadinanza sociale Maria Mantegna,  dell'assessore regionale all'Istruzione Roberto Lagalla e della delegata per i rapporti istituzionali del ministero della Salute Valeria Grasso. Saranno illustrati i dettagli dell'impatto della pandemia sull'invalidità e sull'inclusione nel capoluogo.

Gabriele Montera-4"Siamo stati costretti ad assistere a chiusure di reparti per far spazio ai ricoveri Covid ed alla sospensione dei Cup - continua Montera - divenendo così impossibilitati anche ad una visita di controllo. Da qui uno scenario futuro dove andrà affrontata una seria riorganizzazione dell’assistenza". Montera aggiunge: "Il diritto alla salute dei singoli – evidenzia Montera - viene compromesso da prestazioni sanitarie carenti. La mala politica ci sta uccidendo”. Il leader del comitato ribadisce il messaggio illustrato sul sito www.ilovepalermo.org: “Vogliamo dare voce a un popolo stanco che ha deciso di scendere in campo ed essere protagonista attivo del proprio futuro”.

Auspica cambiamento, rinascita e riscatto con una intensa attività che non si è fermata neanche davanti al Covid: “Ma oggi – dice Montera – non siamo più soli. Abbiamo parlato alle coscienze dei palermitani e abbiamo già intercettato chi parla la stessa lingua e ha la stessa visione sana e trasparente”. Montera sottolinea che I love Palermo "guarda al futuro della città rimanendo al centro del panorama civico ed è pronto a lavorare insieme ad altre forze che vogliono davvero bene alla città. E’ tempo di scelte e noi abbiamo scelto - conclude Montera - ma vogliamo crescere e fare sempre più squadra scegliendo il fare all’apparire”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Boom di malati e problemi neurologici a Palermo, sos dei medici: la pandemia ha bloccato l'assistenza

PalermoToday è in caricamento