rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca Libertà / Via Francesco Laurana

False mail dall'Inps, dalla sede di Palermo avvertono: "Attenzione, si tratta di una nuova truffa"

Al contribuente viene comunicato che una sua domanda non è stata accolta e lo si invita a 'prendere visione della documentazione esaustiva' allegata. In realtà c'è un malware che, una volta aperto, si installa nel sistema del computer rubando informazioni riservate

"Stanno circolando in rete false e-mail, inviate da un indirizzo di posta elettronica apparentemente riconducibile all'Inps e recanti la firma di un Direttore Inps". La sede regionale di Palermo avverte gli utenti di un nuovo tentativo di truffa che sta circolando negli ultimi giorni. "Nella mail si comunica al contribuente - spiegano da via Laurana - che una sua domanda non è stata accolta per mancanza di documentazione e lo si invita a 'prendere visione della documentazione esaustiva riguardante la sua richiesta e il provvedimento, entrambi presenti nell’archivio allegato e scaricabile nella presente e-mail'. 

In realtà il file allegato in formato .zip contiene un malware che, una volta aperto, si installa nel sistema del computer o di altro dispositivo elettronico utilizzato producendo danni, rubando ed eliminando dati o sottraendo informazioni riservate come le password personali.

"Queste mail - chiarisono dalla sede regionale - non sono inviate da Inps, anche se contengono il logo e nominativi di personale dell’Istituto e utilizzano un linguaggio in parte compatibile con le nostre comunicazioni. Inps non invia questa tipologia di comunicazione. La nostra raccomandazione è: non aprire mai questi allegati, verificare sul sito Inps nel vademecum 'Attenzione alle truffe' (www.inps.it/news/attenzione-alle-truffe-il-vademecum-dellinps), aggiornato periodicamente con le segnalazioni, l’eventuale presenza di comunicazioni analoghe.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

False mail dall'Inps, dalla sede di Palermo avvertono: "Attenzione, si tratta di una nuova truffa"

PalermoToday è in caricamento