rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Mafia

L'ex pm Ingroia sulla sentenza Trattativa: "Lo Stato si autoassolve, era un verdetto già scritto"

L'avvocato, che coordinò le indagini sul presunto patto, commenta la decisione della Cassazione con la quale sono stati definitivamente assolti gli ex vertici del Ros, l'ex senatore Marcello Dell'Utri, e dichiarata la prescrizione per i mafiosi: "Non è un bel segnale per i cittadini"

"Se dovessi definire questa sentenza, mi verrebbe da fare una semicitazione letteraria 'Cronaca di una sentenza annunciata'. Perché era stato annunciato e preannunciato che lo Stato italiano intendesse autoassolversi. C'era già stata una anticipazione nella sentenza di appello del processo trattativa di Palermo, nella quale si era riconosciuto che la trattativa c'era stata e che c'era stata la minaccia nei confronti dello Stato, ma che ne rispondevano solo i mafiosi e non gli uomini dello Stato che se ne erano fatti veicolo. Perché il fatto, secondo i giudici di secondo grado, non costituisce reato. Ora, in Cassazione, c'è stato un ulteriore salto in avanti nella autoassoluzione dello Stato italiano. E cioè ora gli uomini dello Stato vengono assolti per non avere commesso il fatto". A parlare con l'Adnkronos è l'ex procuratore aggiunto Antonio Ingroia, che oggi fa l'avvocato, ma che coordinò le indagini sulla così detta Trattativa e sostenne pure l'accusa in primo grado, almeno fino a quando non lasciò la Procura per trasferirsi in Guatemala, dove faceva parte della Commissione per l'impunità.

La sentenza della Cassazione: assolti i carabinieri, prescritti i boss

"Quindi - spiega Ingroia- il fatto c'è. C'è stata anche la minaccia che costituisce la premessa della trattativa, una minaccia che però ora i giudici di Cassazione dicono che non è una minaccia compiuta, ma una minaccia tentata. Così rimane senza conseguenze penali per nessuno. Anche i mafiosi per i quali il reato viene dichiarato prescritto. A me pare una sentenza contraddittoria. La sentenza di appello invece aveva una sua logica, seppure discutibile".

I carabinieri: "Abbiamo servito lo Stato e siamo stati infangati"

Per Ingroia "c'è stata una minaccia, c'è stata la trattativa e di questo rispondono i mafiosi, perché gli uomini dello Stato lo avevano fatto 'a fin di bene', una impostazione da noi non condivisa ma con una logica. Leggeremo le motivazioni per capire la logica dei giudici della Suprema Corte ma se il fatto c'è, tanto è vero che Mario Mori e Giuseppe De Donno vengono assolti per non avere commesso il fatto, questo fatto attraverso quali canali è andato?".

Ragiona ancora Ingroia: "Quali sono i canali attraverso cui il fatto è stato commesso? Questo non è ben chiaro. E' possibile che si voglia mettere in discussione il 'papello' e quindi le dichiarazioni dei collaboratori sul 'papello' (che non è mai stato trovato, ndr). Non è ben chiaro. Certo è che l'esito di questa vicenda processuale, non è incoraggiante per i cittadini. Questa sentenza ha acclarato che si è tentato di sottoporre a minaccia lo Stato, che c'è stata una trattativa ma alla fine nessuno ne risponde, né gli uomini dello Stato e neppure la mafia. Insomma, non è un bel segnale che lo Stato lancia ai cittadini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'ex pm Ingroia sulla sentenza Trattativa: "Lo Stato si autoassolve, era un verdetto già scritto"

PalermoToday è in caricamento