Mafia

Riina parla della Stragi: “Ci fu la mano dei servizi segreti”

Durante uno spostamento in carcere, il Capo dei capi ha fatto delle confidenze ad un agente di polizia penitenziaria. “Trattativa? Sono stati loro a venire da me. Dietro la mia cattura ci sono Provenzano e Ciancimino. Andreotti galantuomo”

Il ruolo dei servizi segreti nella strage di Capaci, nella scomparsa dell'agenda rossa del giudice Borsellino e nell'attento di via D'Amelio sono stati oggetto delle confidenze fatte, in carcere, dal boss Totò Riina a un agente della polizia penitenziaria che le ha poi riferite in una relazione di servizio consegnata alla procura di Palermo.

Secondo quanto si legge su Repubblica.it, nella relazione la guardia, riportando le parole del boss, dice che Riina avrebbe sostenuto che: "Brusca non aveva fatto tutto da solo e che lì c'era la mano dei servizi segreti. La stessa cosa - prosegue l'agente, sempre riportando le parole del boss - vale anche per l'agenda del giudice Paolo Borsellino. Perché non vanno da quello che aveva in mano la borsa e non si fanno dire a chi ha consegnato l'agenda? In via D'Amelio c'entrano i servizi che si trovano a Castello Utveggio e che dopo cinque minuti dall'attentato sono scomparsi, ma subito si sono andati a prendere la borsa".

Il boss lancia altri messaggi sibillini. "Sono stati loro a venire da me, non io da loro", sembra un riferimento al dialogo segreto che nel giugno del 1992 venne avviato da alcuni ufficiali del Ros con l'ex sindaco di Palermo Vito Ciancimino. Agli agenti penitenziari avrebbe detto anche che a farlo arrestare furono Bernardo Provenzano e Vito Ciancimino. Dalle parole del boss verrebbe una conferma alle dichiarazioni del figlio di Ciancimino, Massimo, che ha raccontato ai pm che furono il padre e Provenzano a fare arrestare Riina dai carabinieri a gennaio del 1993. Il padrino avrebbe fatto riferimento poi alla circostanza che qualcuno sarebbe andato da lui: frase sibillina che potrebbe alludere al tentativo di dialogo avviato dal Ros con Riina attraverso Vito Ciancimino che avrebbe segnato l'avvio della trattativa.

“ANDREOTTI? UN GALANTUOMO”. "Appuntato, lei mi vede a baciare Andreotti? Le posso solo dire che era un galantuomo e che io sono stato dell'area andreottiana da sempre". Così il boss Totò Riina, il 21 maggio scorso, avrebbe risposto a un agente della polizia penitenziaria che gli chiedeva se fosse vera la storia  del bacio tra lui e Andreotti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riina parla della Stragi: “Ci fu la mano dei servizi segreti”

PalermoToday è in caricamento