La battaglia di 3 sorelle contro la mafia dei pascoli: "Non ce ne andremo"

Irene, Ina e Anna Napoli dal 2006 sono vittime di intimidazioni nella loro azienda agricola di Mezzojuso, novanta ettari di terra che fanno gola ai clan. Il sindaco adesso convoca un vertice: "Individuare responsabilità e soluzioni"

Le sorelle Napoli

Tre sorelle contro la mafia dei pascoli. Una sfida quotidiana ai boss della campagna. Sono Irene, Ina e Anna Napoli, le titolari di un'azienda agricola di Mezzojuso, al confine con Corleone. Novanta ettari di terra che fanno gola alla mafia. Ma le proprietarie, le sorelle Napoli, non hanno intenzione di cedere alle minacce. "Ci ostacolano da 12 anni, da quando è morto nostro padre e non riusciamo più a lavorare", denunciano. Le donne sono vittime di danneggiamenti all’interno della loro azienda agricola. Incursioni ad opera di ignoti. La più "classica"? Le mandrie di bovini "inselvatichiti" lanciate per distruggere grano e frumento. E' un po' quello che succede in Calabria con le "vacche sacre" mandate a pascolare dalla ’ndrangheta per distruggere campi e piantagioni di chi viene così invitato a sloggiare. Vacche sacre perché intoccabili.

Il loro caso ha conosciuto anche la ribalta nazionale, approdando nei giorni scorsi a La7, nel salotto di Giletti, dopo un servizio andato in onda a Le Iene. "Seminiamo e non riusciamo più a raccogliere - dicono le sorelle Napoli -. Situazione economica? Un disastro. Prima producevamo 9 mila balle di fieno in 24 ettari, quest'anno invece appena 330 che non riusciamo a vendere perché nessuno le viene a comprare. Intorno a noi infatti c'è un sistema che ci ostacola". Al punto che le donne hanno circondato i loro terreni di telecamere e sono riuscite a documentare le invasioni. 

La loro vita è cambiata il 5 gennaio 2006 quando è morto il padre, con il quale gestivano l’azienda che è di famiglia. Da quel momento i clan pensavano di trovarsi di fronte a una facile preda. Perché la mafia - vedendo le sorelle sole e indifese - aveva deciso acquistare per pochi spiccioli quei terreni coltivati a grano e fieno. Le tre sorelle, insieme a Gina, la madre, però sin dall'inizio hanno rifiutato le "avances" di Cosa nostra. Da allora i clan si sono scatenati. Minacce a gogò, raccolti distrutti, recinzioni spaccate. I mafiosi hanno fatto perfino uccidere i loro cani, che sono stati ritrovati scuoiati e con la testa dentro un secchio pieno di sangue.

"Abbiamo fatto 28 denunce ma a nulla sono servite", hanno spesso raccontato le tre sorelle. Le indagini si sono concentrate soprattutto su altri confinanti della proprietà con storie giudiziarie segnate dall'ombra di Provenzano (si parla del "porta pizzini" dell'ultimo padrino). L'obiettivo della mafia è di impossessarsi della proprietà delle sorelle Napoli anche perché oltre alla coltivazione del grano in quei terreni c'è una cava, una parte di riserva naturale e perfino una sorgente. Spazi che fanno gola ai clan. 

Oggi pomeriggio Salvatore Giardina, il sindaco di Mezzojuso, ha deciso di dare una svolta alla vicenda. "Ho convocato per domani alle 17 un vertice con le istituzioni nei locali del castello comunale di Mezzojuso". Obiettivo: risolvere il problema dei bovini inselvatichiti all’interno del bosco della Ficuzza. "Ritengo di avere subito – commenta il primo cittadino di Mezzojuso – un ingiusto e ingiustificato attacco mediatico sulla vicenda delle sorelle Napoli, nonostante il mio riconosciuto impegno quotidiano in favore della legalità e la solidarietà manifestata nei confronti delle sorelle Napoli. Quella del tavolo tecnico di domani è una iniziativa che ho voluto promuovere proprio al fine di individuare responsabilità e soluzioni sulla vicenda che, in ogni caso, non riguardano - direttamente  e indirettamente - né la mia persona né l’amministrazione che ho l’onore di rappresentare". Parteciperanno al vertice i sindaci dei comuni di Godrano, Campofelice di Fitalia, Marineo, insieme al commissario straordinario del comune di Corleone, al comandante del corpo forestale della Regione siciliana e al distaccamento di Ficuzza, al dipartimento regionale Sviluppo rurale, all’Asp di prevenzione di Misilmeri, al dipartimento di prevenzione veterinario di Palermo e Misilmeri, al prefetto di Palermo, al comandante della stazione dei carabinieri di Mezzojuso, al comandante della compagnia dei carabinieri di Misilmeri, all’Istituto Zootecnico per la Sicilia di Godrano.

Potrebbe interessarti

  • Meduse nelle coste palermitane e il falso mito della pipì: tutti i (veri) rimedi anti ustione

  • Magnesio, toccasana per la salute e non solo: perché i palermitani dovrebbero prenderlo

  • Abitare sostenibile, quando il cappotto termico a casa ti salva l'estate e il portafogli

  • Commercio a Palermo, nelle vie "in" affittare un negozio costa anche 165 mila euro l'anno

I più letti della settimana

  • Omicidio a Carini, uccide la compagna e si barrica dentro un negozio

  • "Questo è per lei", pacco sospetto consegnato in spiaggia alla moglie di un carabiniere

  • Incidente in via Leonardo da Vinci, 28enne in scooter investito dal tram

  • Fiamme in una casa di via Altarello, nell’incendio morto un anziano

  • Due dj, bar e duecento persone in pista: sequestrata discoteca abusiva a Mondello

  • San Cipirello, 41enne trovato morto sul marciapiede di fronte casa: ipotesi omicidio

Torna su
PalermoToday è in caricamento