menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il distributore sequestrato in via Oreto

Il distributore sequestrato in via Oreto

Sequestro per gli eredi del boss Marchese, sigilli a due ville e distributore di benzina

Morto nel 2016, era considerato il capo del mandamento mafioso di Villagrazia-Santa Maria di Gesù. Il provvedimento è stato emesso dalla sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Palermo, che ha accolto la richiesta della Procura: "Patrimonio frutto di attività illecite"

Eseguito sequestro milionario di beni agli eredi di Mariano Marchese, boss del mandamento mafioso di Villagrazia-Santa Maria di Gesù morto il 14 aprile 2016. I sigilli sono scattati per due ville che si trovano in zona Villagrazia, un distributore di benzina in via Oreto oltre a tutti i beni aziendali, di cui fanno parte quattro rapporti bancari. A eseguire il provvedimento, emesso dalla sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Palermo, che ha accolto la richiesta della Procura della Repubblica, i carabinieri del nucleo investigativo. 

"Il quadro probatorio raccolto nell’ambito delle indagini patrimoniali, coordinate dal procuratore aggiunto Marzia Sabella, è stato in grado di dimostrare - fanno sapere dal Comando provinciale dei carabinieri - come i beni nella disponibilità, prima dello stesso Marchese e successivamente dei suoi eredi, fossero in realtà il frutto delle sue attività illecite, così consentendo al Tribunale di Palermo di emettere l’odierno provvedimento di sequestro".

Mario Marchese, già condannato nel Maxi processo a Cosa nostra, così come emerso dall’ordinanza cautelare del Tribunale di Palermo dell’11 marzo 2016, emessa poco prima del suo decesso, aveva un ruolo direttivo all’interno del mandamento mafioso di Villagrazia/Santa Maria di Gesù. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento