Mafia, sequestrati beni per mezzo milione a uno dei nipoti di Totò Riina

I carabinieri del Ros e della compagnia di Corleone hanno messo i sigilli alle proprietà di Mario Salvatore Grizzaffi e della sua famiglia, considerate frutto dell'utilizzo di risorse finanziarie illecite

Sequestrati beni per mezzo milione di euro a uno dei nipoti di Totò Riina e alla sua famiglia. Ad eseguire ieri il decreto emesso dalla sezione Misure di prevenzione del tribunale di Palermo su richiesta della Procura nei confronti di Mario Salvatore Grizzaffi sono stati i carabinieri del Ros e della compagnia di Corleone. “Punto cruciale dell’indagine patrimoniale - spiegano dal Comando provinciale - è rappresentato dalla evidente sperequazione tra i redditi dichiarati negli anni da Grizzaffi e dai propri congiunti, da cui è stato possibile ipotizzare l’utilizzo di mezzi e di risorse finanziarie illecite”.

Grizzaffi fa parte di una delle famiglie più influenti all’interno del panorama mafioso della provincia palermitana. “Questo dato - spiegano i militari - non è ricavabile esclusivamente dalla parentela con il suo principale esponente nonché capo indiscusso dell’organizzazione mafiosa siciliana, il defunto Riina, ma piuttosto trova autonomo e ben più grave fondamento dall’analisi delle vicende storico-giudiziarie che hanno riguardato lui e ciascuno dei suoi componenti”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il lavoro del Raggruppamento operativo speciale dei carabinieri sarebbe servito ad assestare un ultimo duro colpo al mandamento mafioso di Corleone, “uscito depotenziato negli ultimi 5 anni - spiegano ancora dal Comando provinciale - dagli esiti delle operazioni Patria, All Stars e Grande Passo, e dai sequestri beni a carico del defunto capo mafia Riina, del fratello Gaetano (attualmente detenuto per mafia) e dei fratelli Rosario (considerato al vertice del mandamento di Corleone) e Calogero Lo Bue. Sotto sequestro sono finiti un magazzino, un’abitazione, un’auto, otto rapporti bancari e sei polizze assicurative.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al ponte Oreto, ragazza si suicida lasciandosi cadere nel vuoto

  • Giovane esce di casa e scompare nel nulla: "Aiutateci a trovarlo"

  • La morte di "Ago" in viale Regione Siciliana, indagata l'automobilista che lo ha investito

  • Rap, presa la "banda di Bellolampo": rubavano gasolio da mezzi e cisterne, 21 arresti

  • Reddito di cittadinanza, 413 tirocini attivati dal Comune: tremila euro per sei mesi di lavoro

  • Furti di gasolio in discarica, coinvolti dipendenti Rap: i nomi degli arrestati

Torna su
PalermoToday è in caricamento