Mafia, sequestrati beni per mezzo milione a uno dei nipoti di Totò Riina

I carabinieri del Ros e della compagnia di Corleone hanno messo i sigilli alle proprietà di Mario Salvatore Grizzaffi e della sua famiglia, considerate frutto dell'utilizzo di risorse finanziarie illecite

Sequestrati beni per mezzo milione di euro a uno dei nipoti di Totò Riina e alla sua famiglia. Ad eseguire ieri il decreto emesso dalla sezione Misure di prevenzione del tribunale di Palermo su richiesta della Procura nei confronti di Mario Salvatore Grizzaffi sono stati i carabinieri del Ros e della compagnia di Corleone. “Punto cruciale dell’indagine patrimoniale - spiegano dal Comando provinciale - è rappresentato dalla evidente sperequazione tra i redditi dichiarati negli anni da Grizzaffi e dai propri congiunti, da cui è stato possibile ipotizzare l’utilizzo di mezzi e di risorse finanziarie illecite”.

Grizzaffi fa parte di una delle famiglie più influenti all’interno del panorama mafioso della provincia palermitana. “Questo dato - spiegano i militari - non è ricavabile esclusivamente dalla parentela con il suo principale esponente nonché capo indiscusso dell’organizzazione mafiosa siciliana, il defunto Riina, ma piuttosto trova autonomo e ben più grave fondamento dall’analisi delle vicende storico-giudiziarie che hanno riguardato lui e ciascuno dei suoi componenti”.

Il lavoro del Raggruppamento operativo speciale dei carabinieri sarebbe servito ad assestare un ultimo duro colpo al mandamento mafioso di Corleone, “uscito depotenziato negli ultimi 5 anni - spiegano ancora dal Comando provinciale - dagli esiti delle operazioni Patria, All Stars e Grande Passo, e dai sequestri beni a carico del defunto capo mafia Riina, del fratello Gaetano (attualmente detenuto per mafia) e dei fratelli Rosario (considerato al vertice del mandamento di Corleone) e Calogero Lo Bue. Sotto sequestro sono finiti un magazzino, un’abitazione, un’auto, otto rapporti bancari e sei polizze assicurative.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento