Mafia Carini

Mafia, arrestato nell'operazione Destino: sequestrati terreni e case a 46enne

I carabinieri hanno eseguito un provvedimento emesso dalla sezione Misure di prevenzione nei confronti di Benedetto Pipitone, condannato nel 2018 per aver fatto parte del clan di Carini

Beni per un valore di circa 500mila euro sono stati sequestrati a Benedetto Pipitone, attualmente sottoposto all'obbligo di dimora nel comune di Carini. L’uomo, 46 anni, nel 2014 era arrestato nell'ambito del blitz "Destino" per estorsione aggravata e continuata con l'aggravante di aver commesso i fatti avvalendosi delle condizioni previste dall'articolo 416 bis del codice penale, quelle relative alle associazioni di tipo mafioso.

I carabinieri del nucleo Investigativo del Comando provinciale di Palermo hanno dato esecuzione al provvedimento emesso dalla sezione Misure di prevenzione del locale Tribunale. Gli accertamenti patrimoniali eseguiti subito dopo il suo arresto hanno dimostrato come i beni nella sua disponibilità fossero "in realtà il frutto delle sue attività illecite".

Grazie al quadro probatorio ricostruito dai militari e riassunto nella richiesta formulata dalla Procura della Repubblica di Palermo, è scattato il sequestro per due fabbricati a Carini, un appezzamento di terreno che si trova nello stesso comune e cinque rapporti bancari sui quali è stata individuata una somma complessiva pari a circa 150.000 euro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mafia, arrestato nell'operazione Destino: sequestrati terreni e case a 46enne

PalermoToday è in caricamento