I carabinieri svuotano le casse della mafia: nel mirino anche il boss di San Lorenzo

"Aggrediti" beni per un valore di tre milioni di euro ai danni di cinque palermitani, vicini a Cosa nostra. Al capomafia Giulio Caporrimo è stato sequestrato un immobile ad uso commerciale che oggi ospita il bar Squisito, in viale Strasburgo

Giulio Caporrimo

Appartamenti, aziende, bar, magazzini. Scattano sequestri e confische ai danni di cinque palermitani, vicini a Cosa nostra. I carabinieri del Nucleo Investigativo oggi hanno dato esecuzione all’ultimo di una serie di provvedimenti emessi ad aprile dal Tribunale di Palermo (Sezione Misure di Prevenzione) riguardanti beni mobili e immobili per un valore complessivo di circa 3 milioni di euro.

Tra gli altri nel mirino dei carabinieri è finito Giulio Caporrimo, 50 anni tra un mese, tratto in arresto nell’ambito dell’operazione Oscar e in passato reggente del mandamento mafioso di San Lorenzo-Tommaso Natale. A Caporrimo, al momento detenuto, è stato sequestrato un immobile ad uso commerciale del valore di due milioni, che ad oggi ospita il bar Squisito a Palermo, in viale Strasburgo. Da precisare che gli attuali gestori dell'attività risultano estranei al provvedimento.

Nel dettaglio il provvedimento di oggi ha riguardato Francesco Paolo Piscitello, 58 anni, appartenente al mandamento mafioso di Porta Nuova e arrestato nell'ambito dell'operazione Perseo. "A Piscitello - hanno spiegato i carabinieri - oggi è stato contestato di aver agevolato l’attività di Cosa nostra per aver messo a disposizione un appartamento a Enrico Scalavino, all’epoca latitante. Così gli sono stati confiscati tre magazzini a Palermo del valore complessivo di circa 200 mila euro.

Gli altri provvedimenti, eseguiti nei giorni scorsi, hanno invece riguardato Giovanni Tusa, nato a Palermo 43 anni fa, tratto in arresto nell’ambito dell’operazione Brasca e appartenente alla famiglia mafiosa di Villagrazia. All'uomo, adesso detenuto, è stato contestato di aver agevolato l’attività mafiosa "per aver contribuito a realizzare un costante collegamento tra i vertici dell’organizzazione attraverso incontri e riunioni nei locali della sua attività commerciale". "A Tusa - dicono i carabinieri - sono stati sequestrati beni dal valore complessivo di circa 345 mila euro". Si tratta di un intero complesso dei beni aziendali dell’impresa individuale “I Sapori della Terra di Giovanni Tusa”, un attività di commercio al dettaglio di frutta e verdura di via Villagrazia a Palermo e 7 rapporti bancari.

carabinieri sequestro san lorenzo caporrimo-2

Nel mirino dei carabinieri pure Aristide Neri, palermitano di 39 anni, tratto in arresto nell'ambito dell'operazione Jafar e appartenente alla famiglia mafiosa di Misilmeri. "A Neri gli è stata contestata la partecipazione ad un’estorsione commessa tra febbraio e aprile 2014 ed il suo pieno inserimento nella famiglia mafiosa alle dipendenze di Francesco Lo Gerfo". Gli sono stati sequestrati i seguenti beni, del valore complessivo di circa 155 mila euro: un intero complesso dei beni aziendali dell’impresa individuale denominata “Cn costruzioni di Aristide Neri", attività edile a Misilmeri e due rapporti bancari.

Disposti provvedimenti anche nei confronti di Giuseppe Ruggeri, nato a Palermo nel 1976 e tratto in arresto nell’ambito dell’operazione Panta Rei. A Ruggeri, appartenente al mandamento mafioso di Porta Nuova, gli è stato contestato "l’aver collaborato con Paolo Calcagno nella gestione del mandamento mafioso, coordinando le attività illecite e le estorsioni e occupandosi del sostentamento dei detenuti e dei rapporti con esponenti di altre famiglie. Gli sono stati confiscati i seguenti beni, del valore complessivo di circa 200 mila euro: capitale sociale e complesso aziendale della società “L.C.R. Frescogel S.R.L.” con sede a Palermo, avente come attività il commercio all’ingrosso di pesce fresco e sei rapporti bancari.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • Ma questo chi è quello che mandava i bacetti dalla Questura quando era stato arrestato? Se attiveranno il nuovo codice penale ti verrà la diarrea cronica.

  • E per questo a suo tempo hanno ammazzato Pio La Torre perché aveva fatto la proposta di legge approvata subito dopo il suo sacrificio. Una lunga strada lastricata di morti ammazzati in nome di un esercito di delinquenti arricchitisi con il sangue di vittime innocenti anche attraverso rapine, intimidazioni ed infamità. Un antistato che non ha il diritto di esistere classificandosi al livello più basso e degradato della società.

  • facci i c...

  • Tutti in mutande.

  • Avatar anonimo di Pietro
    Pietro

    Bene  benissimo lì dove martellare, togliere loro tutti i patrimoni, azzerare le proprietà anche dei parenti prossimi, buttare in galera i prestanome. devono strisciare a terra e leccare le scarpe della gente perbene questi parassiti

    • Avatar anonimo di giuseppe
      giuseppe

      Ben detto.....cerca i soldi, e troverai il marcio.....

  • soldi soldi

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Sotto il ponte di corso dei Mille per catturare uccelli, scatta il blitz dei carabinieri

  • Cronaca

    Far west in corso Finocchiaro Aprile con auto in tripla fila: valanghe di multe e sequestri

  • Cronaca

    Pallavicino, corriere assalito in strada: il giallo della Panda abbandonata

  • Cronaca

    "Guarda quel nonnetto con la Multipla": vigili scoprono tassista abusivo

I più letti della settimana

  • Ha il reddito di cittadinanza ma viene sorpreso a Sferracavallo mentre lavora in nero

  • La droga "calabrese" venduta a Palermo, i nomi degli arrestati

  • Fiumi di droga da Calabria e Campania: smantellata banda, 19 arresti

  • Incidenti finti, lacrime vere: "Mattoni per rompermi il braccio, piangevo ma non si fermavano"

  • La coca sul camper e il maxi giro d'affari: "Che sono 300 chili di fumo? Un pelo di m..."

  • Circoscrizioni a Palermo, gli indirizzi e i recapiti delle otto zone della città

Torna su
PalermoToday è in caricamento