menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il tribunale del Riesame annulla il sequestro, restituite le quote del ristorante "Magna Roma"

I giudici hanno dato ragione ai difensori di Daniela Bronzetti, moglie del boss Francesco Paolo Maniscalco. I sigilli erano scattati il 12 marzo scorso per il 25 per cento della società che gestisce il locale di via Paolo Paternostro

Il tribunale di Riesame ha annullato il sequestro delle quote del ristorante "Magna Roma" di via Paolo Paternostro di proprietà della moglie del boss Francesco Paolo Maniscalco, Daniela Bronzetti. I giudici hanno accolto le tesi degli avvocati Rosanna Vella ed Edi Gioè, che assistono la donna, ed hanno quindi disposto la restituzione del 25 per cento delle quote della società "Magna Roma srls".

Il sequestro era scattato il 12 marzo e i sigilli erano stati apposti anche ad altri beni, riconducibili - secondo la Procura - non solo a Maniscalco, ma anche a Salvatore Rubino, a Vincenzo Fiore (in particolare il 50 per cento delle quote del "Kioskito srl" di Casteldaccia) e a Christian Tortora. In tutto era stato bloccato un patrimonio dal valore di 5 milioni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento