"Le docce sono sporche e nella mia cella c'è poca luce": boss chiede sconto di pena

Le accuse di Cosimo Michele Sciarabba (figlio di Salvatore, mafioso autorevole della famiglia di Belmonte Mezzagno e fedelissimo di Bernardo Provenzano) detenuto al 41 bis nel carcere di Terni: "Sono stati calpestati i miei diritti fondamentali"

Una cella troppo stretta, con poca aria e luce, senza acqua calda. E i "box delle docce erano “sporchi”. Sono queste le motivazioni che hanno spinto Cosimo Michele Sciarabba a chiedere uno sconto di pena in base a quanto disposto dall’articolo 35 ter dell’ordinamento penitenziario.

Detenuto in regime di 41 bis presso il carcere di Terni – e poi in quello di Trapani – il boss della mafia è finito in manette nel 2012. Fino a quel momento era noto come “mister X” ma poteva vantare un curriculum criminale di tutto rispetto. Figlio di Salvatore Sciarabba – anche lui mafioso autorevole della famiglia di Belmonte Mezzagno e fedelissimo di Bernardo Provenzano – Sciarabba junior veniva ritenuto un astro nascente della nuova mafia palermitana, tanto avere tentato di stringere contatti anche con il superlatitante di cosa nostra, Matteo Messina Denaro.

Lo scorso mese di febbraio, Cosimo Michele Sciarabba aveva inoltrato al tribunale di Sorveglianza di Perugia un reclamo collegato alle condizioni detentive nel carcere di vocabolo Sabbione. Lamentando, come detto, condizione che avrebbero violato i suoi diritti: poco spazio – inferiore a 4 metri quadrati – scarse condizioni igieniche nei servizi, mancanza di acqua calda nelle docce comuni, poca aria e poca luce in cella.

Il ricorso è stato rigettato dal tribunale di Sorveglianza e Sciarabba è arrivato fino alla Corte di cassazione nel tentativo di far valere le sue ragioni e ottenere i benefici previsti dalla legge, ossia la riduzione di un giorno di detenzione ogni dieci giorni relativi alle condizioni oggetto del reclamo e, nel caso di pena troppo bassa per lo sconto, un risarcimento economico pari ad 8 euro, sempre per ogni giorno di detenzione “scorretto”.

Secondo i dati raccolti dall’associazione Antigone relativi alla casa circondariale di Terni (518 detenuti di cui 27 in regie di 41 bis) in realtà le condizioni nelle celle di Sabbione non sono come quelle dipinte dal reclamo di Sciarabba: l’acqua calda – dice Antigone – è presente in tutte le celle visitate e per ogni detenuto ci sono 3 metri quadrati di superficie calpestabile.

E infatti, la Corte suprema ha dichiarato inammissibile il ricorso di “mister X”, condannandolo al pagamento delle spese processuali e al versamento di tremila euro nella cassa delle ammende. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fonte: TerniToday

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Musumeci: "Mascherine obbligatorie anche all'esterno senza la distanza di un metro"

  • Capo in lutto per la morte di Irene, giovane mamma: "Non ti dimenticheremo mai"

  • Il Covid e la paura di un nuovo lockdown, Miccichè: "Sarebbe morte Sicilia"

  • Incidente in viale Lazio, con la Vespa si scontra con un’auto: morto 15enne

  • In Sicilia nuova ordinanza anti Covid: ingressi limitati nei locali, più controlli e stretta sui migranti

  • Coronavirus, in Sicilia accertati altri 29 nuovi positivi: tre a Palermo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento