Processo Apocalisse, arriva il bollo della Cassazione: oltre 50 condanne definitive

Le indagini coordinate dalla Dda tracciarono la nuova mappa del potere: alla sbarra nomi di spicco delle cosche palermitane. Quindici anni e 6 mesi al boss dell'Acquasanta Vito Galatolo, 13 anni e 8 mesi all'autista di Riina, Girolamo Biondino

Regge in Cassazione - con qualche annullamento per la rideterminazione della pena - il processo Apocalisse, l’atto di accusa che ha decapitato le cosche di Palermo colpendo i mandamenti di Tommaso Natale-San Lorenzo e Resuttana. La Suprema Corte ha sostanzialmente confermato le condanne a circa 4 secoli di carcere complessivi inflitte in Appello. Cinquanta i condannati tra boss, estorsori e gregari mafiosi. In appello erano stati 53 i condannati e 26 gli assolti. Ora è arrivata la Cassazione a rendere definitive le condanne.

Le indagini di carabinieri, poliziotti e finanzieri - coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia di Palermo - tracciarono la nuova mappa del potere. Alla sbarra nomi di spicco delle cosche come il boss dell’Acquasanta Vito Galatolo, che ha avuto 15 anni e 6 mesi, e il fratello dell’autista di Totò Riina, Girolamo Biondino, condannato a 13 anni e 8 mesi.

Ecco l'elenco completo degli imputati e le pene definitive: Epifano Aiello (8 anni e 8 mesi), Domenico Baglione (9 anni e 4 mesi), Giuseppe Battaglia (8 anni), Giovanni Beone (11 anni, 6 mesi e 10 giorni), Girolamo Biondino (13 anni e 8 mesi), Giuseppe Bonura (8 anni e 8 mesi), Giovanni Cacciatore (8 anni e 8 mesi), Francesco Caporrimo (8 anni), Giulio Caporrimo (assolto), Marco Carollo (4 anni e 8 mesi), Antonino Ciaramitaro (6 anni), Gaetano Ciaramitaro (9 anni e 4 mesi), Davide Contino (un anno e 6 mesi), Tommaso Contino (16 anni, 10 mesi e 20 giorni), Francesco D'Alessandro (10 anni e 20 giorni), Salvatore D'Alessandro (8 anni e 10 mesi), Guido D'Angelo (9 anni e 10 mesi), Giuseppe Fabio Davì (8 anni e 4 mesi), Antonio Di Maggio (10 anni e 6 mesi), Nicolò Di Maio (14 anni e 2 mesi), Sandro Diele (14 anni e 8 mesi), Erasmo Enea (8 anni), Gioacchino Favaloro (10 anni e 4 mesi), Lorenzo Flauto (11 anni, 6 mesi e 20 giorni), Giuseppe Fricano (13 anni e 2 mesi), Vito Galatolo (15 anni e 6 mesi), Angelo Gallina (8 anni e otto mesi), Melchiorre Gennaro (1 anno e 4 mesi), Tommaso Bartolo Genovese (8 anni).

Francesco Graziano (un anno), Roberto Graziano (9 anni e 4 mesi), Camillo Graziano (9 anni e 4 mesi), Vincenzo Graziano (annullata con rinvio la condanna a 10 anni perché bisogna rivalutare il suo ruolo apicale nell'organizzazione), Silvio Guerrera (aveva avuto 6 anni e 6 mesi, ma si dovrà celebrare un nuovo processo per ristabilire l'entità della pena), Gioacchino Intravaia (8 anni), Paolo Lo Iacono (11 anni, 6 mesi e 20 giorni), Giuseppe Lombardo (1 anno e 8 mesi), Vincenzo Lucà (8 anni), Pietro Magrì (8 anni), Serafino Maranzano (2 anni e 4 mesi), Filippo Matassa (10 anni), Salvatore Mendola (8 anni e 8 mesi), Francesco Militano (8 anni e 8 mesi), Domenico Palazzotto (16 anni e 10 mesi), Gregorio Palazzotto (20 anni), Michele Pillitteri (9 anni e 8 mesi), Emilio Pizzurro (11 anni), Marcello Puccio (10 anni), Ignazio Romano (10 anni), Roberto Sardisco (9 anni e 10 mesi), Antonino Siragusa (8 anni e 8 mesi), Luigi Siragusa (10 anni e 4 mesi), Antonino Tarallo (9 anni e 4 mesi), Onofrio Terracchio (15 anni e 10 mesi), Aurelio Valguarnera (1 anni e 4 mesi), Calogero Ventimiglia (12 anni e 10 mesi), Giovanni Vitale (confermati i 4 anni e 10 mesi, ma si dovrà rivalutare l'entità della libertà vigilata da scontare dopo il fine pena).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Confermati i risarcimenti per le parti civili. Si tratta di imprenditori e commercianti vittime del pizzo, ministero dell'interno, Comune di Palermo, Confindustria Palermo, Confesercenti Palermo, Confcommercio, Associazione antiracket e antisura, Solidaria, Sos Impresa, Addiopizzo. "Un processo che fotografa un periodo storico di grande valore per la città di Palermo - afferma l'avvocato Ugo Forello - 58 le estorsioni accertate, 38 gli imprenditori che hanno collaborato e si sono costituiti parte civile, di questi 22 sono state seguite da Addiopizzo e Fai. L'impianto accusatorio ha quasi integralmente retto ai tre gradi di giudizio".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Palermo, ragazza di 27 anni muore dopo avere mangiato gamberi

  • Coronavirus a Palermo, positive due commesse di un negozio

  • Tragedia a Isola, accusa un malore mentre esce dall'acqua e muore in spiaggia

  • La corsa in ospedale e la disperazione, bambino di 3 mesi muore al Di Cristina

  • L’incidente sulla Palermo-Sciacca, giovane motociclista muore in ospedale

  • Suicidio in via Guido Cavalcanti, commerciante di 62 anni si toglie la vita

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento