rotate-mobile
Mercoledì, 1 Febbraio 2023
Mafia Palazzo Reale-Monte di pietà

Il pentito Geraci fuori dal programma di protezione, ecco come parlava con un detenuto ai domiciliari

Le conversazioni con Giovanni Rao che il collaboratore di giustizia rassicurava, invitandolo a farsi la sua vita: "Su di te non posso dire niente, ero in carcere... Io a virità ricu, munsugnarie un nni ricu!"

Alfredo Geraci, vicino al boss Alessandro D'Ambrogio, si è pentito nel 2020 e in questi giorni è stato però estromesso dal programma di protezione per i collaboratori di giustizia dalla Commissione centrale. Avrebbe avuto contatti con Giovanni Rao, in quel momento detenuto ai domiciliari. Un dato che è emerso sulla scorta di indagini difensive condotte dall'avvocato Giovanni Castronovo, che assiste alcuni imputati contro i quali la Procura ha usato anche le dichiarazioni di Geraci. Il pentito, contro il quale nei mesi scorsi sono state anche fatte delle scritte a Ballarò, spiegava ad un certo punto: "Io a buttana a fici e a fici una vota sula! Ci su cchiddi chi acchiananu e scinninu ri questure!" e "l'ho fatto per i miei figli, per dargli un futuro migliore".

In una conversazione tra i due - di cui però non si conosce la data e le modalità di registrazione - Geraci avrebbe tentato di rassicurare l'amico Giovanni, spiegandogli che non avrebbe avuto accuse da muovere nei suoi confronti e che nei processi avrebbe detto la verità, cioè che lui non avrebbe avuto alcun legame con i clan e che era "un uomo d'onore perché ti sei fatto il travagghiaturi". La trascrizione dello scambio è stata depositata nel processo "Cupola 2.0" e anche in "Octopus", dove Rao è imputato, per dimostrare che il pentito non avrebbe rispettato le regole previste per i collaboratori, per minare la sua attendibilità.

"Il business dei buttafuori è Cosa nostra, ci pagano 3 mila euro al mese"

"Io dico sulu a virità, munsugnarie un nni ricu!"

Era Rao a dire: "Io ti giuro e me figghi, sull'onore veru i me mugghieri, si io un u pinsava ca tu a mmia mi vulevi contattare! M'hanna muoriri tutti i pricciriddi! Io riceva: 'Iddu, iddu i mia un si può scurdari! S'ha perdiri proprio l'onore ri tutti i me figghi". Geraci gli spiegava di aver tenuto nascosto un elemento: "Io non l'ho detto stu fattu ri sti lambrette ca tu cu stu Lo Iacono, ca s'accattò tuttu chiddu ca s'accattò, e tu stai muriennu ra fame, ma com'è ca ti ieru e mettiri nno menzu a ttia? Non lo so! Ma si ci sarà un processo poi io lo dirò! Lo dirò cca stati parrannu ri picciotti ca s'hannu arrusicatu l'uossa... Ma chiddu chi c'entra? Io mi ricordo ca travagghiavi o Calamuri! Tutta a nuttata ddà..." e Rao: "Senza colletto bianco però!". Geraci replicava: "Picchì stu pezzu i merda un è vieru ca si fici i picciuli e s'accatturu i Rolex? Mi sienti a mia? Io dico solo la verità, io munsignarie un nni ricu! Ca è buonu ca per esempio ti portano a processo a tia, ti fannu qualchi cosa? Io ci ricu a virità! 'Che mi sa dire ru tizio?' io ci ricu chistu, chistu e chistu... A mmia non m'interiessa! Ci ricieva a me figghi aieri Giovanni era navutru come a mmia... quannu eramu nichi però, ca i cose i pagamu! Ed era puru innuccienti io!".

"Poi ti rico e nni viriemu"

Rao spiegava che "a mmia l'unica cosa ca mi runa... è di un vidiriti cchiù, un aviriti cchiù o latu". E Geraci: "Giuvà io sugnu cuntientu ca un mi viri in Palermo, un vuogghiu vidiri cchiù a nuddu! Un giorno, se un giorno quando sarà ca tu realmente mi vo viriri a mmia poi ti ricu e nni viriemu. Ca tu però ha gghiri a travagghiari, per comu ha fattu! L'ha fare pi Giusi e pi i picciriddi, puru sti stecchette un i iri a vinniri cchiù appena sarà! Fatti la tua vita, fatti... Ormai paga chiddu chi ha pagare... io non lo so si è vero... picchì io ero o carcere, io un u sacciu si veru tu spacciavi pi diri?". E Rao rimarcava: "Decarieru ca era capo e promotore, capo e promotore ci u rettinu all'avutru... Sta murennu ra fame, può essiri mai capo promotore chistu?".

"La mafia è peggio del cancro che ho realmente"

"Io a buttana a fici e a fici na vota sula!"

Geraci allora lo incalzava: "Tu si corna rura, ti sai addifenniri, un hai bisogno i nuddu e ti va fai... si t'ha fare u buttafuori senza colletto bianco, picchì tu un l'ha fattu mai cu colletto bianco, picchì tu travagghiavi o Calamuri, o Marabù e travagghiavi sulu! Senza ca nuddu ti misi a manu... Ti fai a vita sistemata e ti crisci i to figghi, un dare cchiù cunfirienza a nuddu! Ricordati io a buttana a fici e a fici una vota sula! Ci su chiddi chi acchiananu e scinniunu ri questure, u capisti?" e Rao: "Ca un u sacciu! Viri ca ci u rissi a to figghio avantieri!" e il pentito: "E vabbè, falli parlare, io l'ho fatto per i miei figli, per dargli un futuro migliore ai miei figli, me ne sono fregato, basta! Perché non ci vuole bene nessuno a noi, ricordatelo Giovanni!" e Rao: "Io l'unicu ca mi voleva bene eri tu e penso chi mi nni vuoi ancora comu io ti nni vogghiu a ttia!".

"Io un u pozzu diri ca tu si colpevole, io ero in carcere"

Geraci proseguiva, confermando la sua amicizia: "Io ti vuogghio beni però è normale che io ho saltato il fosso... E' comu si a mmia m'interogasse un magistrati e mi rici: 'Giovanni Rao...' io e Giovanni Rao ci siamo sempre voluti bene... io non so se lui mi vorrà sempre bene, perché io ho saltato il muro dell'omertà, ma no perché lui è un uomo d'onore... uomo d'onore ci si picchì t'ha fattu tu u travagghiaturi e ci sei, un significa essiri 'punciutu'... Isti a cadiri nna sta cazzo di merda perché non c'era più lavoro, nel senso ca t'arristaru... Si veramente si innuccenti u sai tu, io un u saccio picchì era in carcere, io un u pozzu diri ca tu si colpevole... Io posso dire: 'Senta, io ero in carcere e non so niente di lui'. Punto". E Rao: "Comunque mi facisti chianciri tri ghiorna" e Geraci: "E invece io sono morto...".

"Io un haiu pigghiatu picciuli ru Stato, mi vinnivu tri casi"

Geraci aggiungeva: "Ma viri ca u primu me cugnatu u sai che mi rissi? Ca ti mittisti a chianciri e dicisti 'nuatri babbiavamu, nni dicevamu ora ti fai pentito, ora ti fai ccà', ti pari ca un mi dicinu sti cose? Nel senso buono, a tipu a dire io arristavo sbalordito, io non so che cosa dire, picchì vieru m'hannu rittu ca tu un ha parratu mali i mia! Mittisti sulu una cosa, a posto! Però un mi interessa! U fatto ra corda impiccata... ora arivano i soldi, tu diccillu a certuni...". E Rao: "Ma non era direttu a ttia! Sbirru se era diretto a ttia!" e Geraci insisteva: "Diccillu a certuni io un n'haiu pigghiatu picciuli ru Stato perché tutti ca ricinu u Stato, ma chi, cos'è? Io ai me figghi ci l'è accattatu sempre i cose e ci l'haiu accattatu ca me abilità, io mi vinnivu tri case, tre case! E se ho comprato queste cose a mio figlio non gliele ho comprate con i soldi dello Stato! Io ormai sugnu cu Stato, però ti ricu una cuosa, io a me figghiu infinu a uora cose ru Stato un ci nn'è accattatu!".

"Ne sentirai cose..."

"Comunque - ribadiva Geraci - oggi domani c'è qualche cosa che a me mi portano a processo, io dico la verità, io puozzo diri sulu a verità, ca io mi ricordu a ttia ca avevi a Twingo ca ti trasieva l'acqua a tutti i banne! Avevi puru i mollette misi! E si t'accattasti una maghina nne chiddu ri Villabate ca a pagavi a 100 euro, a 150 euro o misi! L'avutri s'hannu fattu i case! Nun si tu chiddu ca mi interessa a mmia... Io ti vorrò sempre bene, la tua foto non la strappo e ma la tengo sempre io, qualsiasi cosa sentirai, se mi vorrai bene, però ne sentirai cose! E basta, ti voglio bene picchì ti criscivu... Stai sereno cu to cirivieddu e stai bene... Fatti a to vita, diccillu ai picciriddi ca si stannu tranquilli! Picciuli ru Stato nuatri un nni circamu".

"Devo chiedere un confronto con quell'infamone di Chiarello"

Infine lo rassicurava: "Però ricordati una cosa, appena io comincio tutta la collaborazione digli a tuo zio Giovanni (Rao, una delle persone condannate in via definitiva per aver chiesto il pizzo allo chef Natale Giunta, ndr), tu ricu puru se mi sentono, digli che se esce, le mie dichiarazioni, che li esce! Mannatillu a chiamare e ci u rici! S'ha aiutare stu picciotto, picchì stu picciotto è innuccenti! E' innuccenti e basta! Picchì si ivu a fari 6 anni ca un ha fattu mai parte i nudda famigghia? Sei anni ci ficiru fari e un è giustu! E o primo o signor Chianello (il pentito, Francesco, ndr) ci l'è fare viriri... tutta sta credibilità chi avi, stu pezzu ri infamuni". Rao era d'accordo: "Chistu dici ca io spacciavo pi Baddarò, ma unni haiu statu mai spacciaturi pi Baddarrò" e Geraci: "Ma picchì unni ci amu ratu mai cunfirienza a chistu nuatri? Ci u ricu io! Io è aviri u cunfruntu cu chistu!", ancora Rao: "Io mai visto a chistu, dici ca io pi Baddarò vicino io cu Alessandro D'Ambrogio... io? io?". Geraci concludeva: "Tu cu Alessandro D'Ambrogio, tu? Ca tu travagghiavi a fare u buttafuori in du periodo!".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il pentito Geraci fuori dal programma di protezione, ecco come parlava con un detenuto ai domiciliari

PalermoToday è in caricamento