Clan di Partinico e Borgetto, chieste condanne per 150 anni per boss e gregari

Gli imputati sono accusati, a vario titolo, oltre che di appartenenza a Cosa nostra, anche di estorsioni, danneggiamenti, incendi e minacce nei confronti degli imprenditori della loro zona, costretti a pagare il pizzo

Nicolò Salto

Pene per complessivi oltre 150 anni di carcere sono stati chiesti oggi, al termine della lunga requisitoria, dalla Dda di Palermo per dieci imputati sotto processo per il clan mafioso di Partinico e Borgetto. L'accusa è rappresentata dai pubblici ministeri di Palermo Annamaria Picozzi, oggi Procuratore aggiunto, e Roberto Tartaglia, oggi alla Commissione nazionale antimafia.

Gli imputati sono accusati, a vario titolo, oltre che di appartenenza a Cosa nostra, anche di estorsioni, danneggiamenti, incendi e minacce nei confronti degli imprenditori della loro zona, costretti a pagare il pizzo.

Chiesti 28 anni, 5 mesi e 10 giorni per Nicolò Salto; 26 anni e 8 mesi per Giuseppe Giambrone, 22 e mezzo per Francesco Giambrone, 20 anni l'uno per Antonio Salto e Antonino Frisina. E ancora: chiesti 5 anni e 4 mesi a testa per Francesco e Salvatore Petruso; 4 ciascuno per Antonino e Tommaso Giambrone, un anno per David Giambrone.

Potrebbe interessarti

  • Igiene in casa, ogni quanto si devono cambiare (davvero) lenzuola e asciugamani

  • Api, vespe e calabroni non si uccidono ma si allontanano: ecco i rimedi naturali

  • Bonus casa a chi ristruttura, detrazioni fiscali per l'acquisto di mobili e condizionatori

  • Come conservare il cibo, ecco i 10 alimenti che vanno tenuti (sempre) fuori dal frigorifero

I più letti della settimana

  • San Vito Lo Capo, ragazzo monrealese di 20 anni cade dagli scogli e muore

  • Via D'Amelio, incontro in Questura: arriva Gigi D'Alessio e Fiammetta Borsellino va via

  • Medaglie d'Oro, "trasmetteva" Sky (quasi) gratis: nella stanza da letto 57 decoder e 187 mila euro

  • Prima il malore in casa, poi l'incidente in auto durante la corsa in ospedale: morto 51enne

  • Lo Stato mette in (s)vendita i suoi tesori: ci sono 36 case in viale del Fante

  • Tredicenne morto sulla Palermo-Mazara, padre positivo alle analisi: aveva cocaina in tasca

Torna su
PalermoToday è in caricamento