rotate-mobile
Mercoledì, 8 Febbraio 2023
Mafia Altavilla Milicia

Omicidio Urso, annullati un ergastolo e una condanna a 25 anni: "Un giudice era troppo vecchio"

Per Pietro Erco e Luca Mantia, ritenuti i killer dell'imprenditore di Altavilla Milicia eliminato ad ottobre del 2009, si dovrà rifare totalmente il processo che era giunto in appello. Uno dei componenti della Corte d'Assise che emise il verdetto di primo grado aveva più di 65 anni. La vittima fu uccisa perché danneggiava gli affari dei boss di Bagheria

Erano stati condannati all'ergastolo e a 25 anni di carcere per aver ucciso l'imprenditore di Altavilla Milicia Vincenzo Urso, nella notte tra il 24 ed il 15 ottobre del 2009. Una sentenza quella emessa nei confronti di Pietro Erco, di Trabia, e di Luca Mantia, di Termini Imerese che era arrivata a novembre dell'anno scorso, a 12 anni dal delitto. E che oggi pomeriggio è stato totalmente annullata dalla Corte d'Assise d'Appello presieduta da Matteo Frasca: uno dei giudici popolari che emise il primo verdetto non aveva infatti tutti i requisiti in regola, nello specifico aveva già compiuto 65 anni.

A sollevare la questione sono stati gli avvocati degli imputati, Salvino e Giada Caputo e Francesca Fucaloro per Erco e Raffaele Buonsignore e Stefano Vitale per Mantia, che hanno messo in evidenza come la legge che ha istituito le Corti d'Assise, all'articolo 9, prevede che i giudici popolari debbano avere - tra gli altri requisiti - "un'età non inferiore a 30 anni e non superiore a 65 anni". Uno dei membri della Corte d'Assise, presieduta da Sergio Gulotta, aveva invece già compiuto proprio 65 anni.

In appello, dove il pg Rita Fulantelli la settimana scorso aveva chiesto la conferma delle condanne per i due imputati, i giudici hanno preso atto dell'errore e - come prevede la legge - hanno dovuto annullare la sentenza di primo grado. Il processo dunque dovrà essere nuovamente celebrato. Gli avvocati, inoltre, alla luce di questa decisione, chiederanno la scarcerazione di Erco e Mantia.

In base alla ricostruzione dell'accusa - l'inchiesta era stata coordinata dal procuratore aggiunto Salvatore De Luca (oggi procuratore capo a Caltanissetta) e dal sostituto Bruno Brucoli - Urso sarebbe stato più volte richiamato sia per i suoi atteggiamenti poco "rispettosi" che per la concorrenza sleale che avrebbe messo in atto nel campo del movimento terra, danneggiando gli affari di diversi boss di Bagheria. Per questo ad ottobre del 2009 venne assassinato a colpi di pistola davanti alla sua abitazione.

Le immagini che inchiodano i killer | Video

Erco (di origini napoletane ma residente da anni e Trabia) e Mantia avrebbero commesso il delitto per 20 mila euro. Avrebbero atteso la vittima sotto casa e sarebbe stato il primo ad eliminare l'imprenditore con una 7,65, mentre l'altro sarebbe stato alla guida dell'auto con cui erano poi fuggiti.

Per l'omicidio sono già stati condannati Francesco ed Andrea Lombardo, padre e figlio, entrambi collaboratori di giustizia, così come Massimiliano Restivo, pentito pure lui. Il loro contributo è stato fondamentale per ricostruire l'omicidio e fu proprio Restivo a svelare che sarebbero stati pagati 20 mila euro. I Lombardo, condannati a 12 e 10 anni di carcere, ammisero di essere stati i mandanti.

Prima dell'omicidio sarebbero stati mandati diversi avvertimenti a Urso, che in un caso fu costretto a spogliarsi completamente e, anche se nessuno l'avrebbe picchiato, sarebbe stato pesantemente umiliato. Un'altra volta sarebbe riuscito a sfuggire ad un agguato. Ma nella notte tra il 24 ed il 25 ottobre del 2009 non ebbe scampo. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Urso, annullati un ergastolo e una condanna a 25 anni: "Un giudice era troppo vecchio"

PalermoToday è in caricamento