menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Sebastiano Bosio

Sebastiano Bosio

Si rifiutò di operare un uomo d'onore, omicidio Bosio: ergastolo per Madonia

Il chirurgo fu ucciso a colpi di pistola sotto al suo studio di via Cuccia, il 6 novembre del 1981. La Corte d'Assise d'Appello ha ribaltato il verdetto di primo grado. Decisiva una perizia del Ris sui proiettili dell'arma. Gli avvocati della difesa annunciano ricorso in Cassazione

Ergastolo per il boss Nino Madonia, accusato di essere l’autore dell’omicidio del chirurgo Sebastiano Bosio, ucciso a colpi di pistola sotto al suo studio di via Cuccia, il 6 novembre del 1981. La sentenza è stata emessa questo pomeriggio dalla Corte d’Assise d’Appello che ha ribaltato il verdetto di primo grado: il 30 giugno del 2014, infatti, l’imputato era stato assolto dai giudici. La Corte ha accolto la richiesta del pg Nico Gozzo.

Secondo la ricostruzione dell’accusa, Bosio, da primario del reparto di Chirurgia vascolare dell’ospedale Civico, si sarebbe rifiutato di operare un uomo d’onore e per questo avrebbe pagato con la vita. Le indagini sul caso sono state più volte aperte e archiviate, fino alla svolta: dopo una perizia del Ris sui proiettili dell’arma dalla quale erano partiti i colpi contro il chirurgo venne fuori che questi erano compatibili con la calibro 38 utilizzata il 5 giugno del 1982 per uccidere due meccanici di Passo di Rigano, Francesco Chiazzese e Giuseppe Dominici.

A sparare in quel caso era stato proprio Nino Madonia che per questo duplice omicidio è già stato condannato all’ergastolo. Al quale ora si è aggiunto anche quello per la morte di Bosio. Gli avvocati dell’imputato, Marco, Giulia e Valentina Clementi, preannunciano il ricorso in Cassazione. 

La Corte ha riconosciuto le provvisionali alla moglie di Bosio Rosaria Patania (200 mila euro), alle figlie Liliana e Silvia (100 mila euro ciascuna) e 10 mila euro all'ordine dei medici: erano parte civile al processo con gli avvocati Carmelo Miceli, Roberta Pezzano, Fausta Maria Amato, e Mauro Torti. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento