Domenica, 26 Settembre 2021
Mafia

E' morto il boss Tommaso Spadaro: il "re" della Kalsa che si paragonava a Gianni Agnelli

Il padrino si trovava a Perugia, ai domiciliari per motivi di salute. Fu storico contrabbandiere di sigarette e uno dei responsabili dell'omicidio, il 10 settembre 1981, del maresciallo dei carabinieri Vito Ievolella

Fu uno dei responsabili dell'omicidio, il 10 settembre 1981, del maresciallo dei carabinieri Vito Ievolella; al maxi processo si definì “il Gianni Agnelli di Palermo" per "avere offerto lavoro a centinaia di giovani”; negli anni di carcere conseguì anche la laurea con una tesi su Gandhi. E' morto a 82 anni il boss Tommaso Spadaro, considerato il “re della Kalsa”. Il padrino (che era stato condannato all'ergastolo ndr) si trovava a Perugia, ai domiciliari per motivi di salute.

Masino Spadaro è stato un elemento di spicco di Cosa nostra. E' stato uno storico contrabbandiere di sigarette prima ancora di essere un uomo d’onore. Ad arrestato per la prima volta è stato il giudice Giovanni Falcone con l'accusa di contrabbando. Durante uno sbarco fu costretto a gettarsi in mare per l'arrivo della Finanza. Lo trovarono al bar dell'hotel Villa Igiea, completamente fradicio ma con in mano un aperitivo. E' stato lui a ordinare l'uccisione del maresciallo Ievolella, freddato dai sicari in piazza Principe di Camporeale mentre era a bordo della propria Fiat 128 con la moglie Iolanda, in attesa della figlia Lucia. Poi l'arresto e la condanna. Rinchiuso nel carcere di Spoleto, ha studiato Filosofia e ha anche conseguito la laurea con 110. "La non violenza e i fondamenti della religione di Gandhi", il titolo della sua tesi.

Il segreto più grande degli Spadaro riguarda il tesoro accumulato. Ricchezze sequestrate solamente in parte. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

E' morto il boss Tommaso Spadaro: il "re" della Kalsa che si paragonava a Gianni Agnelli

PalermoToday è in caricamento