rotate-mobile
Mafia

Mafia, schiaffo al mandamento di Porta Nuova: condanne per 300 anni

La quarta sezione della Corte d'Appello di Palermo ha inflitto tre secoli di carcere per 32 dei 37 imputati del processo "Panta rei". Tra i condannati anche Teresa Marino che gestiva gli affari su ordine del marito detenuto, Tommaso Lo Presti, detto "il Pacchione"

Uno schiaffo al mandamento di Porta Nuova e ai clan mafiosi di Bagheria e Villabate. La quarta sezione della Corte d'Appello di Palermo ha inflitto 305 anni di carcere a 32 dei 37 imputati del processo "Panta rei". In primo grado, con rito abbreviato, le pene complessive furono di 268 anni. Oggi i giudici d’Appello hanno aumentato il totale degli anni di carcere a 305 anni.

Mafia, 38 fermi: le intercettazioni del blitz

 

La decisione è stata emessa dopo 4 giorni di camera di consiglio. Il collegio presieduto da Mario Fontana ha aumentato le pene a due imputati, parzialmente assolti in primo grado. I due che si sono visti riconoscere colpevoli di ulteriori reati sono Giuseppe Ruggeri, che passa da 3 anni a 12, e Salvatore David, che "sale" da 4 anni e 8 mesi a 11 anni. Gli assolti sono Massimo Monti, Giuseppe Di Giovanni, Gaetano Tinnirello, Giuseppe Bucaro e Mario Sciortino.

LEGGI ANCHE - I RETROSCENA: MONOPOLIO SU FRUTTI DI MARE E COCA ARGENTINA

LE INTERCETTAZIONI/VIDEO

Gli imputati erano accusati di associazione mafiosa, estorsione, intestazione fittizia di beni, danneggiamento e traffico di droga. L'inchiesta ricostruì la mappa del pizzo in diverse zone di Palermo e gli assetti di vertice delle famiglia del Borgo Vecchio, Villabate e Bagheria. Nessun'attività commerciale sfuggiva al racket. Tra i condannati c'è pure la donna-boss Teresa Marino, moglie del capomafia di Porta Nuova Tommaso Lo Presti, detto "il Pacchione": per lei c'è una riduzione di pena, da 18 a 14 anni. La donna gestiva gli affari su ordine del marito detenuto.

Mafia, colpo al mandamento di Porta Nuova

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mafia, schiaffo al mandamento di Porta Nuova: condanne per 300 anni

PalermoToday è in caricamento