Schiaffo al clan di San Lorenzo, 10 arresti: "Preso anche il re dello spaccio allo Zen"

Operazione della Mobile, in manette alcuni esponenti di spicco del mandamento. Documentate numerose estorsioni ai danni di imprenditori edili a Carini, Isola e Capaci. L’organizzazione era anche particolarmente attiva nel campo del traffico di stupefacenti a Palermo

Baldassarre Migliore, ritenuto a capo dell'organizzazione

La polizia lo ha definito un "duro colpo a Cosa nostra". Maxi operazione antimafia della Squadra mobile all'alba di oggi che ha messo a segno dieci arresti. Si tratta di esponenti di spicco del mandamento di San Lorenzo. Sono indagati, a vario titolo, dei reati di associazione mafiosa, estorsione aggravata dal metodo mafioso e traffico di sostanze stupefacenti, aggravato dalle modalità mafiose. Gli arresti sono arrivati in esecuzione di un’ordinanza di applicazione di misure cautelari emessa dal Gip del Tribunale di Palermo. A rivestire il ruolo di capo dell'organizzazione, secondo quanto ricostruito dagli investigatori, sarebbe stato il 51enne Baldassarre Migliore.

L'uscita degli arrestati dalla Questura | Video

I nomi degli arrestati

"Il provvedimento - spiegano dalla Questura - arriva al termine di un’attività d’indagine svolta dalla Squadra Mobile di Palermo, e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo, che si è avvalsa delle dichiarazioni di un collaboratore di giustizia". Sono state documentate dagli investigatori numerose estorsioni ai danni di imprenditori edili che operano anche in territori diversi da quelli del mandamento mafioso di San Lorenzo-Tommaso Natale. Ovvero: Isola delle Femmine, Capaci e Carini. Agli imprenditori veniva imposto il pagamento di ingenti somme di denaro per “la messa a posto”.

Le immagini del blitz della polizia | VIDEO

"Questo - dicono dalla polizia - avveniva anche grazie al ruolo di collegamento con altre famiglie mafiose del territorio palermitano. I ricavi delle estorsioni, infatti, in alcuni casi venivano divisi tra le famiglie che operano in diversi quartieri cittadini".

La mafia di San Lorenzo non perdona: pagano tutti

L’organizzazione era anche particolarmente attiva nel campo del traffico di stupefacenti a Palermo, tanto che uno degli arrestati di oggi, con l’appoggio di Cosa nostra, a cui corrispondeva regolari somme di denaro in funzione della droga venduta, si era imposto come il principale spacciatore dello Zen.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Poliziotto della questura di Palermo si suicida lanciandosi da un viadotto

  • Incidente stradale, morta a 42 anni ginecologa palermitana

  • Incidente a Terrasini, scontro auto-moto: morto 38enne, grave una donna

  • Pestato durante una lite con la moglie, 41enne muore al Civico

  • Ferragosto tragico: si tuffa in mare e muore annegato ad Aspra

  • "Addio Lando": è morto il proprietario del Break

Torna su
PalermoToday è in caricamento