Mafia Uditore-Passo di Rigano / Via Riccardo da Lentini

Mafia, in un bene confiscato la sede dell'associazione famiglie persone Down

L'immobile si trova in via Riccardo Lentini e un tempo apparteneva a esponenti di cosa nostra. Per il sindaco Leoluca Orlando è "La città si riappropria di uno spazio che da sede di illegalità diventa sede di diritti"

Manifestazioni in tutta Italia, anche a Palermo, per la ventesima giornata della memoria e dell'impegno organizzata da Libera. "Oggi - dice il sindaco del capoluogo siciliano, Leoluca Orlando - ci stringiamo intorno ai familiari delle vittime di tutte le mafie e ricordiamo il sacrificio di questi martiri della legalità, che hanno dato la vita a difesa della giustizia. Bisogna far tesoro dell'esempio di quanti, combattendo la mafia, hanno dato alla Sicilia e all'intero Paese una lezione di civiltà e di libertà dalle pastoie del potere criminale”.

Secondo Orlando, che parteciperà alla manifestazione di solidarietà al popolo tunisino e ai familiari di coloro che hanno perso la vita nel recente attacco al museo del Bardo, sottolinea che "questi assassini cercano di eliminare ogni forma di dialogo e di confronto per alimentare la cultura dell'odio. Non dobbiamo cedere a queste ignobili provocazioni e proseguire, invece, sulla via dell'integrazione. Saremo in piazza, quindi, per ribadire con forza il nostro no alla mafia e al terrorismo".

Nelle scorse ore un bene confiscato alla mafia è "rinato" a Palermo, diventando sede dell’ "Associazione Famiglie Persone Down”. L'immobile si trova in via Riccardo Lentini e un tempo apparteneva a esponenti di cosa nostra. "L’assegnazione - per Orlando - è anche un forte segnale alla criminalità organizzata: la legalità, oltre che giusta, è conveniente. La città si riappropria di uno spazio che da sede di illegalità diventa sede di diritti”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mafia, in un bene confiscato la sede dell'associazione famiglie persone Down

PalermoToday è in caricamento