rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Mafia Camporeale

Mafia e pizzo, due presunte vittime rivedono le accuse: assolto un imprenditore di Camporeale

Il tribunale ha scagionato Antonio Cusumano, che era finito in carcere ad aprile del 2015 ed era però quasi subito tornato libero. In aula uno dei testimoni ha negato di aver ricevuto richieste estorsive e l'altro si sarebbe contraddetto su diversi punti. La Procura aveva chiesto una condanna a 12 anni

A sei anni dall'arresto per estorsione aggravata dall'aver agevolato Cosa nostra e a fronte di una richiesta di condanna a 12 anni di carcere, Antonio Cusumano, imprenditore edile di Camporeale è stato del tutto assolto dalle accuse dalla terza sezione del tribunale, presieduta da Fabrizio La Cascia.

L'imputato, che era finito in carcere con l'operazione "Pizzo" del 21 aprile 2015 ed era stato poi subito liberato dal tribuale del Riesame, è difeso dagli avvocati Marco Clementi ed Antonino Cacioppo. Durante il dibattimento le presunte vittime che, secondo gli inquirenti, Cusumano avrebbe taglieggiato secondo non hanno integralmente confermato la versione fornita al momento delle indagini.

Nello specifico, l'imputato, per la Procura, avrebbe costretto un imprenditore a pagare il pizzo alla famiglia mafiosa di Camporeale su un appalto da quasi un milione e 600 mila euro, ovvero il consueto 3 per cento dell'importo totale, ma avrebbe anche taglieggiato un altro imprenditore, che si era aggiudicato un appalto pubblico bandito dall'ormai ex Provincia, per un importo a base d'asta di 950 mila euro: la presunta vittima sarebbe stata obbligata ad assumere operai "graditi" e a rifornirsi di calcestruzzo in un impianto ben preciso.

Durante il processo, però, sarebbe emerso un quadro diverso. Il primo imprenditore avrebbe infatti confermato le accuse, ma si sarebbe contraddetto su più punti, fornendo una versione che non avrebbe trovato riscontro nei fatti; il secondo avrebbe invece affermato di non aver mai ricevuto alcuna richiesta estorsiva da Cusumano. Sulla scorta di questi elementi, l'imputato adesso è stato totalmente scagionato dal tribunale. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mafia e pizzo, due presunte vittime rivedono le accuse: assolto un imprenditore di Camporeale

PalermoToday è in caricamento