"I mafiosi sono pupi, spavaldi solo con chi ha paura": in tv la storia di 5 donne coraggio

Hanno rotto l'omertà, hanno denunciato, testimoniato, rischiato la loro stessa vita. Di queste figure eroiche si parlerà a La Grande Storia - Anniversari, in onda domani su Rai3. Da Serafina Battaglia a Michela Buscemi, che al maxiprocesso fece nomi e cognomi degli assassini dei suoi fratelli 

Serafina Battaglia

L'impegno contro la mafia è anche e soprattutto nel coraggio di quelle madri, figlie, sorelle e vedove che hanno visto i loro cari morire ammazzati e non si sono rassegnate, non hanno taciuto. Tutt'altro: hanno rotto l'omertà, hanno denunciato, testimoniato, rischiato la loro stessa vita. Di queste figure eroiche si parlerà a La Grande Storia - Anniversari, in onda domani su Rai3 alle 15.20.

In Donne e coraggio, voci contro la mafia, cinque storie di amore, dolore, orgoglio e desiderio di giustizia. A partire da quella di Michela Buscemi, figura simbolo della lotta contro la criminalità organizzata, che al maxiprocesso di Palermo fa nomi e cognomi degli assassini dei suoi fratelli. 

Facendo poi un passo indietro nel tempo per raccontare la vicenda di Francesca Serio, madre del sindacalista Salvatore Carnevale ucciso nel 1955 a causa delle sue battaglie contro il latifondo, quando ancora erano in molti a sostenere che cosa nostra non esisteva.

Segue quella di Serafina Battaglia, donna di mafia, capace anche di accettare l'assassinio del marito, ma non quello del figlio. Decide allora di parlare e le cronache descriveranno questa figura che si presenta in Tribunale avvolta in uno scialle nero, con le mani coperte da guanti neri. A Serafina Battaglia fu ucciso suo marito Stefano Leale, commerciante e mafioso, da poco tempo espulso da cosa nostra. Era il 1960. A seguito di questo evento Serafina incoraggiò il figlio Salvatore a vendicare il padre. Il figlio tentò di uccidere i due boss, Filippo e Vincenzo Rimi, ma l'attentato fallì e fu ucciso a sua volta. Durante il processo per l'omicidio del figlio, Serafina decise di testimoniare contro il sistema mafioso, collaborando con il giudice istruttore Cesare Terranova. "I mafiosi - disse la donna una volta - sono pupi. Fanno gli spavaldi solo con chi ha paura di loro, ma se si ha il coraggio di attaccarli e demolirli diventano vigliacchi. Non sono uomini d'onore ma pezze da piedi".

Ma si parla anche di Felicia Impastato, moglie di un mafioso legato a Tano Badalamenti, il responsabile dell'assassinio di suo figlio Peppino. L'omicidio avviene il 9 maggio 1978, proprio lo stesso giorno in cui viene ritrovato il cadavere di Aldo Moro in Via Caetani a Roma.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine la giovanissima Rita Atria, che diventa testimone di giustizia dopo la morte del fratello e che si fida ciecamente di un giudice, Paolo Borsellino. Quando anche questi viene trucidato dalla mafia lei, travolta dal dolore e dalla disperazione, si uccide buttandosi dalla finestra della casa di Roma, dove viveva nascosta nell'ambito di un programma di protezione.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Catania, coinvolto il cantante De Martino: morto un sessantenne

  • Dal pizzo alla riffa per la festa di Sant'Anna, commercianti denunciano: 20 fermi al Borgo

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: "Un esercito di medici per contrastare il Covid"

  • Apre a Palermo l'Antica pizzeria da Michele, dopo Napoli è l'unica del Sud Italia

  • Omicidio a Camporeale, colpi di pistola in piazza: morto un ragazzo di 26 anni

  • Firmato nuovo Dpcm con le regole Covid, Musumeci: "Ora controlli costanti delle forze dell’ordine"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento