Mafia

Il pentito Giuffrè: "Nel '91 decidemmo di eliminare Lima, Falcone e Borsellino"

Parla l'ex braccio destro di Provenzano: "Organizzammo una resa dei conti per uccidere i magistrati e i politici inaffidabili". Intanto, nella questione trattativa, irrompe la lettera di Napolitano alla Corte: "Posso testimoniare, ma bisogna valutare se è utile"

Una vera e propria resa dei conti "contro i politici inaffidabili e i magistrati ostili alla mafia". Politici come Salvo Lima e magistrati come Falcone e Borsellino. A organizzarla furono i vertici di Cosa nostra, nel dicembre del '91. I dettagli della riunione palermitana sono stati rivelati nel corso del processo per la trattativa tra Stato e mafia, dal pentito Antonino Giuffrè, ex braccio destro del boss Bernardo Provenzano. "Ho partecipato anch'io a quell'incontro", racconta Giuffrè 22 anni dopo. I bersagli erano Lima, Falcone e Borsellino, che nel ’92 furono poi uccisi. "Ma nella lista dei politici non c’era solo Lima ma anche i Salvo, Mannino, Vizzini e Andò", ha spiegato il pentito in videocollegamento.

LIMA E CIANCIMINO - Giuffrè ha svelato altri retroscena: "Tra Lima e Ciancimino c’era amore e odio. Ma Ciancimino godeva dell’appoggio incondizionato di Riina e Provenzano e della mafia corleonese. Ciancimino si è fatto spazio a colpi di gomito grazie all’appoggio influente della mafia corleonese. Ciancimino era il portavoce politico di Provenzano. A livello anche internazionale. Anche se sulla carta era piu’ conosciuto Lima, ma dietro le quinte era piu’ importante Ciancimino".

SBIRRITUDINE - Ma Giuffrè ha avanzato dubbi anche sulla "sbirritudine" di Provenzano. Binnu infatti avrebbe allacciato presunte amicizie con le forze dell'ordine. "In Cosa nostra - ha detto il pentito - agli inizi degli anni Ottanta c'era il sospetto tra alcuni di noi che Provenzano e la moglie avessero rapporti con gli 'sbirri'. Io non avevo notizie ufficiali ma era una voce che correva da tempo. I più vecchi negli anni Ottanta dicevano di stare attenti a Provenzano sia per le 'tragedie' che per la sua "sbirritudine".

RIINA VENDUTO - L'ex braccio destro di Provenzano, da anni collaboratore di giustizia, poi ha proseguito: "Dopo l'arresto di Rina nel nostro gruppo si pensava che qualcuno lo avesse venduto e che non avessero disposto la perquisizione nella sua abitazione per non trovare tracce, ad esempio documenti. Chi era il "venditore"? Ridendo pensavamo a Balduccio Di Maggio".

TRATTATIVA - Intanto sarà depositata entro domani nella cancelleria della Corte d’assise la lettera inviata di Napolitano ai giudici. Nei giorni scorsi il Presidente della Repubblica si era detto disponibile a testimoniare al processo per la trattativa tra Stato e mafia. Ad annunciarlo in aula, all’inizio dell’udienza è stato il Presidente della Corte d’assise di Palermo, Alfredo Montalto. Nella lettera, il Presidente pur manifestando la sua “piena disponibiltà a deporre” ha chiesto “che si valuti ulteriormente l’utilità del reale contributo che tale testimonianza potrebbe dare, tenuto conto delle limitate conoscenze sui fatti”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il pentito Giuffrè: "Nel '91 decidemmo di eliminare Lima, Falcone e Borsellino"

PalermoToday è in caricamento