Scontro Bonafede-Di Matteo, l'ex procuratore Caselli: "Basta guerre tra persone perbene"

Il rischio di lasciare macerie sul terreno dell'antimafia dopo il botta e risposta sulla mancata nomina del magistrato a capo del Dap. "Gioverebbe una chiara ammissione del ministro", mentre il pm "dovrebbe convincersi che abbandonare il proprio cuore alle recriminazioni non aiuta"

L'ex procuratore Caselli

"Una guerra fra persone perbene (Di Matteo e Bonafede), ambedue ben consapevoli che ci si può dividere su tutto ma non nella lotta alla mafia. Che invece rischia proprio lacerazioni profonde nel surreale clima creato ad arte da chi fino a ieri considerava Di Matteo un laido giustizialista incompatibile con lo Stato di diritto e oggi invece lo usa strumentalmente come uno splendente totem in funzione anti Bonafede". Lo scrive sul Fatto Quotidiano, Gian Carlo Caselli, procuratore di Palermo e Torino a proposito dello scontro tra il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede e il pm Nino Di Matteo.

Caselli osserva: "E non è un caso che Bonafede con la stringata risposta nel "question time" di ieri abbia precisato che quelle con Di Matteo furono "normali interlocuzioni per formare una squadra". Dato atto a Di Matteo che l'idiosincrasia per ogni indebito intreccio fra la sua figura e la parola "trattativa" è comprensibile e giustificata; preso atto altresì della sua esplicita dichiarazione: "Io non faccio illazioni. E non penso minimamente che il ministro Bonafede sia colluso con la mafia"; è troppo sperare che la violentissima querelle possa placarsi e concludersi?".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Senza dubbio gioverebbe una chiara ammissione del ministro: vale a dire che - precisa Caselli - ferma restando la sua autonomia in scelte di quel livello, era e rimane criticabile la nomina a capo del Dap non di Di Matteo, ma di un magistrato con ben altre caratteristiche. Mentre Di Matteo dovrebbe convincersi che abbandonare il proprio cuore alla tristezza e alle recriminazioni non aiuta. Rischia anzi di lasciare macerie sul terreno dell'antimafia quando finiranno i rantoli di questa guerra".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus, verso una nuova ordinanza: mascherine obbligatorie all'aperto e stretta sulla movida

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Pizzaiolo positivo al Coronavirus, chiuso lo storico panificio Graziano

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • Stretta anti covid, ecco l'ordinanza: mascherine all'aperto, divieto di stazionare in strada

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento