menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un frame delle intercettazioni dei carabinieri durante l'operazione

Un frame delle intercettazioni dei carabinieri durante l'operazione

"Alfano come Kennedy": condannati 6 mafiosi che volevano uccidere il Ministro

Si tratta di presunti reggenti e gregari di alcuni clan della provincia, compreso quello di Corleone. Gli imputati erano stati arrestati nel novembre 2015, nell'ambito dell'operazione "Grande Passo 3"

Sei condanne per altrettanti presunti reggenti e gregari di alcuni clan mafiosi della provincia, compreso quello di Corleone. Quindici anni sono stati inflitti a Rosario Lo Bue, presunto reggente proprio della cosca di Corleone, 10 anni a Vincenzo Pellitteri, presunto capo della famiglia mafiosa di Chiusa Sclafani, 6 anni e 8 mesi a Pietro Pollichino, presunto capo del clan di Contessa Entellina, e 9 anni ciascuno a Salvatore Pellitteri (classe 1976), a Salvatore Pellitteri (classe 1992) e a Roberto Pellitteri.

"DEVONO MORIRE TUTTI": COLPO ALLA MAFIA DI CORLEONE, LE INTERCETTAZIONI

La sentenza è del gup Fabrizio La Cascia, davanti al quale il processo si è svolto col rito abbreviato. Il giudice ha accolto le richieste di condanna dei pm Sergio Demontis, Caterina Malagoli e Gaspare Spedale. Il Comune di Corleone e quello di Chiusa Sclafani, nonché il Centro Pio La Torre sono parte civile, con l'assistenza degli avvocati Ettore Barcellona, Salvino Caputo e Francesco Cutraro. Il gip ha riconosciuto una provvisionale di 10 mila euro a ciascuno degli enti pubblici e di mille euro all'associazione antimafia.

Gli imputati erano stati tutti arrestati il 20 novembre 2015, nell'ambito dell’operazione "Grande Passo 3". Nell'inchiesta - naturale continuazione di "Grande Passo" 1 e 2, con le quali i carabinieri avevano inflitto un duro colpo alla mafia Corleonese - gli imputati erano stati tra l'altro intercettati mentre parlavano di volere uccidere l'allora ministro dell'Interno Angelino Alfano, che avrebbe dovuto essere eliminato come il presidente degli Stati Uniti, John Kennedy, a Dallas, sostenendo che l'attentato del 22 novembre 1963 sarebbe stato opera proprio della mafia siculo-americana, coi voti della quale Kennedy sarebbe stato pure eletto. L’attentato contro Alfano avrebbe dovuto essere commesso a Roma o ad Agrigento. Il piano era stato accennato nelle conversazioni, ma non è mai stato oggetto di contestazione da parte della Procura.

Nel dialogo, inoltre, gli imputati si lamentavano del 41 bis che metteva in difficoltà i boss detenuti e rendeva difficili le comunicazioni fra di loro. Successivamente è stato messo a segno anche il blitz "Grande Passo 4", sul quale sono ancora in corso le indagini.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento