Mafia, confisca da 5 milioni per Girolamo Taormina: c'è anche il 50% dello Scalea club

Sigilli a un appartamento, due società di distribuzione all'ingrosso di carne e un supermercato. Il 37enne, arrestato nel blitz Apocalisse del 2014 e condannato nel 2017 a 13 anni, è considerato elemento di spicco del mandamento di Tommaso Natale

Da manovale per una ditta di costruzioni sarebbe diventato un punto di riferimento per la distribuzione della carne in mezza città, costruendo un impero da 5 milioni di euro tra società e immobili che ora passa nelle mani dello Stato. La polizia ha eseguito un provvedimento di confisca nei confronti del 37enne Girolamo Taormina, considerato un elemento di spicco del mandamento mafioso di Tommaso Natale. Per lui, arrestato durante il blitz Apocalisse, nel 2017 è arrivata una condanna a 13 anni di carcere.

Dopo le indagini effettuate dalla polizia è arrivato il decreto di confisca che riguarda un appartamento, le società di distruzione Ingross carni srl e Punto carne srl, un supermercato in via Danimarca e il 50% del capitale sociale della società Princess Scalea Club legata all’omonima discoteca che si trova nella zona di via Lanza di Scalea. Con il medesimo provvedimento è stata applicata all’imprenditore 37enne la misura della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno per la durata di tre anni.

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

taormina Girolamo 18.6.82Nel corso degli accertamenti è stata appurata la sua appartenenza all’organizzazione mafiosa ed è stato possibile ricostruire la sua scalata economica. “Attraverso una sapiente regia occulta e con l’uso dei tipi strumenti intimidatori riconducibili a Cosa nostra - spiegano dalla Questura - Taormina è riuscito a costituire sue società affermatesi poi sul mercato in posizione di assoluto privilegio e notoriamente sostenute dai vertici del mandamento di Tommaso Natale mediante l’imposizione delle forniture da un lato e la contrazione della libera concorrenza dall’altro”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Centro Convenienza chiude e non consegna i mobili già pagati: "Clienti truffati"

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Falliscono colpo in casa e si "imbucano" a veglia funebre per evitare i carabinieri, 2 arresti

  • Folle serata allo Sperone, litiga con la moglie per i Sofficini e viene arrestato

  • L'arancina più buona a Palermo, gara alla vigilia di Santa Lucia: vince il Bar Matranga

Torna su
PalermoToday è in caricamento