rotate-mobile
Venerdì, 26 Novembre 2021
Mafia

"Negozi aperti con i soldi della mafia", confiscati i beni al "re" dei detersivi Ferdico

Il commerciante fu processato per concorso in associazione mafiosa e riciclaggio, ma venne assolto. L'assoluzione non gli ha evitato le misure di prevenzione. Messi i sigilli a un patrimonio di circa 450 milioni

Beni per circa 450 milioni di euro sono stati confiscati a Giuseppe Ferdico, "re" nella distribuzione dei detersivi. Il commerciante fu processato per concorso in associazione mafiosa e riciclaggio, ma venne assolto. L'assoluzione, però, non gli ha evitato le misure di prevenzione. Oltre alla confisca del patrimonio, è scattata la sorveglianza speciale di pubblica sicurezza. 

I beni dell'imprenditore erano stati sequestrati tre anni fa dal collegio presieduto da Silvana Saguto, oggi sotto inchiesta a Caltanissetta. La confisca è stata disposta dal collegio presieduto da Giacomo Montalbano, successore della Saguto. Secondo l'accusa, Ferdico avrebbe avviato la propria attività commerciale grazie al denaro della mafia.

Tra i beni confiscati risultano il capitale sociale della "Ferdico Giuseppe e C s.n.c", vari terreni nel comune di Palermo, uno stabilimento industriale a Carini, decine di appartamenti, conti correnti.

A supporto del provvedimento, i giudici citano le dichiarazioni di una serie di collaboratori di giustizia che descrivono Ferdico come imprenditore "pronto a dare il suo contributo" ai clan e disposto a ripulire soldi sporchi. La sua vicinanza alle cosche gli avrebbe consentito di imporsi sul mercato e gli avrebbe "garantito una rapida espansione e un accesso al credito bancario". "All'ascesa imprenditoriale di Ferdico - scrivono i magistrati - risulta associata la costante capacità di meritare la fiducia di numerosi esponenti di spicco della consorteria tanto da inserirsi a pieno titolo tra i riciclatori del denaro di una delle famiglie mafiose più radicate nel tessuto economico della città come quella dell'Acquasanta". Il collegio sottolinea inoltre i rapporti tra Ferdico e i boss di San Lorenzo Salvatore e Sandro Lo Piccolo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Negozi aperti con i soldi della mafia", confiscati i beni al "re" dei detersivi Ferdico

PalermoToday è in caricamento