"Fu una vendetta di mafia", sei condanne all'ergastolo per l'omicidio Sciacchitano

Così ha deciso la corte d'assise di Palermo che ha disposto il carcere a vita per Antonino Profeta, Natale Gambino, Domenico Ilardi, Lorenzo Scarantino, Francesco Pedalino e il figlio Gabriele. L'episodio a ottobre 2015 in via della Conciliazione

La scena del delitto

Sei ergastoli per l’omicidio di Mirko Sciacchitano. La corte d’assise ha condannato al carcere a vita Antonino Profeta (figlio del boss Salvatore ormai deceduto), Natale Gambino, Domenico Ilardi, Lorenzo Scarantino, Francesco Pedalino e il figlio Gabriele. Questi ultimi secondo i giudici sono i mandanti del delitto. Condannato a 22 anni anche Giuseppe Greco, considerato reggente del mandamento di Santa Maria di Gesù. Vittima delle pallottole esplose a ottobre 2015 in via della Conciliazione è il 29enne Sciacchitano, freddato con dieci colpi davanti a un’agenzia di scommesse all'angolo con via della Concordia.

Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti l’omicidio sarebbe stato il frutto di una vendetta voluta dai Gambino e i Profeta per il tentato omicidio di Luigi Cona, ferito da Francesco Urso. Piuttosto che scagliarsi contro quest’ultimo, figlio di un “pezzo grosso”, scaricarono i proiettili su Sciacchitano che aveva avuto la colpa di accompagnare Urso con lo scooter. Come emerso durante il processo il delitto è stato registrato dalle microspie installate in un’auto a bordo della quale c’era Profeta. Grazie alle cimici si sentono prima i colpi esplosi con la pistola (più di otto) e poi Profeta mentre canta “Volare” di Domenico Modugno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Se da una parte quindi i mandanti dell’omicidio sarebbero Salvatore Profeta (deceduto) e Natale Gambino (“scinni e ci spari…tu rincapu…prima viennu i cuosci…” si sente in un’intercettazione in una macelleria), gli altri condannati sarebbero gli esecutori materiali. Sulla Fiat Panda di colore rosso da cui è stato aperto il fuoco c’erano i Pedalino, Ilardi e Antonino Profeta. Scarantino invece si sarebbe occupato dei sopralluoghi alla ricerca di Sciacchitano. La notizia della brutale uccisione fa presto il giro del quartiere e Urso, come poi accertato, se ne sarebbe anche dispiaciuto: “Dovevate ammazzare a me… che c’entra che se la prendono con quello…ma quello è stato pure un ragazzo ingenuo… lui neanche doveva venire, non ce lo porta nessuno”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Musumeci: "Mascherine obbligatorie anche all'esterno senza la distanza di un metro"

  • Capo in lutto per la morte di Irene, giovane mamma: "Non ti dimenticheremo mai"

  • Il Covid e la paura di un nuovo lockdown, Miccichè: "Sarebbe morte Sicilia"

  • Incidente in viale Lazio, con la Vespa si scontra con un’auto: morto 15enne

  • In Sicilia nuova ordinanza anti Covid: ingressi limitati nei locali, più controlli e stretta sui migranti

  • Coronavirus, in Sicilia accertati altri 29 nuovi positivi: tre a Palermo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento