menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il tribunale di Palermo

Il tribunale di Palermo

Estorsione e concussione, condannato a 7 anni l’ex sindaco di Montelepre

I giudici della Corte d'Appello hanno ribaltato la sentenza di primo grado per Giacomo Tinervia, allora assolto per non aver commesso il fatto. L'ex primo cittadino avrebbe fatto da intermediario tra Cosa nostra e un imprenditore nella riscossione del pizzo

Condannato a sette anni l’ex sindaco di Montelepre. Così ha stabilito la sesta sezione della Corte d’Appello di Palermo per Giacomo Tinervia (nella foto in basso) perché ritenuto colpevole di estorsione aggravata e induzione indebita a dare o promettere utilità. L’ex primo cittadino, nell’ambito del processo che aveva portato alla sbarra numerosi esponenti della malavita del territorio compreso tra San Giuseppe Jato e Partinico, era stato assolto in primo grado. A difenderlo l'avvocato Enrico Sanseverino.

La sua posizione era stata stralciata per ascoltare altri testimoni e per questo motivo oggi era l’unico imputato. In primo grado non aveva trovato fondamento l'ipotesi secondo la quale avesse chiesto soldi a un imprenditore, impegnato nei lavori di ristrutturazione di una palestra del paese. Secondo l’accusa Tinervia, il quale venne arrestato nell'aprile 2013 con il blitz “Grande Mandamento”, avrebbe fatto da intermediario fra la vittima e la cosca locale, intercedendo dunque nella richiesta di denaro.

Giacomo Tinervia-2La Procura aveva chiesto per lui 10 anni di carcere, ma l’ex sindaco fu assolto per non aver commesso il fatto. La sentenza, però, è stato ribaltata perché i giudici hanno ritenuto fondati gli esiti delle indagini dei carabinieri che intercettarono il rimprovero di Antonino Lombardo subito da Tinervia per aver preteso la tangente prima che venisse riscosso il pizzo. L’imprenditore confessò di aver consegnato la busta con i soldi all’autista del primo cittadino, conscio del fatto che parte del denaro sarebbe arrivato a Cosa nostra.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento