rotate-mobile
Martedì, 25 Giugno 2024
Mafia Caccamo

Estorsioni, armi e droga: schiaffo ai clan di Caccamo e San Mauro, scattano 13 arresti per mafia

L'operazione, messa a segno all'alba di oggi, è stata effettuata dai carabinieri della compagnia di Cefalù: in cinque sono finiti in carcere, gli altri otto ai domiciliari

Associazione mafiosa, estorsione, detenzione illegale di armi e sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. Sono le accuse che hanno inchiodato 13 persone. L'operazione, messa a segno all'alba di oggi, è stata effettuata dai carabinieri della compagnia di Cefalù, coadiuvati dallo squadrone Cacciatori di Sicilia in elicottero e dal nucleo cinofili del comando provinciale di Palermo. In cinque sono finiti in carcere, mentre per otto sono scattati gli arresti domiciliari. I provvedimenti sono stati emessi dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Palermo, su richiesta della locale direzione distrettuale antimafia.

"Le indagini - spiegano dal comando dei carabinieri - hanno fatto emergere un grave quadro indiziario. A carico di quattro dei 13 indagati è stata contestata l’appartenenza all’associazione mafiosa. Il provvedimento scaturisce da un’articolata attività investigativa condotta tra il 2020 e il 2022, che ha interessato i mandamenti mafiosi di Caccamo e Trabia (con particolare riferimento alle famiglie di Cerda e Termini Imerese) e quello di San Mauro Castelverde (con riguardo alle famiglie di Campofelice di Roccella e Collesano)".

Le indagini, svolte dai militari della Compagnia di Cefalù, hanno consentito di raccogliere gravi indizi in merito all’operatività dei clan mafiosi che, attraverso le intimidazioni, si imponevano nel panorama sociale ed economico locale. Sono state infatti documentate delle richieste di estorsioni a imprenditori dei settori edile, immobiliare, agricolo e delle onoranze funebri. Il profitto derivato dalle estorsioni era destinato anche al supporto economico dei vertici del mandamento, uno dei quali era già sottoposto a regime cautelare in carcere poiché riconosciuto colpevole di associazione di stampo mafioso.

I nomi degli arrestati

In carcere
Rosolino Rizzo, nato a Cerda, 69 anni
Pino Rizzo, nato a Collesano, 54 anni
Rosolino Dioguardi, nato a Cerda, 74 anni
Pietro Cicero, nato a Cerda, 50 anni
Luigi Antonio Piraino, nato a Cerda, 62 anni

Ai domiciliari
Giuseppe Mario Muscarella, nato a Palermo, 49 anni
Massimiliano Mangano, nato a Termini Imerese, 45 anni
Pietro Ventimiglia, nato a Palermo, 49 anni
Giada Quattrocchi, nata a Torino, 45 anni
Gaetano Mario Piraino, nato a Cerda, 66 anni
Ignazio Piraino, nato a Termini Imerese, 37 anni
Salvatore Leggio, nato a Palermo, 53 anni
Giuseppe Rizzo, nato a Cerda, 84 anni

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Estorsioni, armi e droga: schiaffo ai clan di Caccamo e San Mauro, scattano 13 arresti per mafia

PalermoToday è in caricamento