I boss decidevano i buttafuori dei locali: ecco i nomi di tutti gli arrestati

E' quanto scoperto dalla Direzione distrettuale antimafia di Palermo. Le persone arrestate sono ritenute responsabili del reato di estorsione aggravata dal metodo mafioso

Andrea Catalano

Buttafuori di Cosa nostra nelle discoteche palermitane. E' quanto scoperto dalla Direzione distrettuale antimafia di Palermo che ha delegato i carabinieri del comando provinciale ad eseguire nel corso della notte un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP presso il tribunale, nei confronti di 11 persone ritenute responsabili del reato di estorsione aggravata dal metodo mafioso. 

La mafia imponeva i buttafuori: 11 arresti

Le intercettazioni: "Ora volano tutti dalle finestre" | Video

Ecco i nomi gli arrestati nell'operazione Octopus

Massimo Mulè, nato a Palermo il 3 febbraio 1972
Andrea Catalano, nato a Palermo il 5 marzo 1967
Giovanni Catalano, nato a Palermo oò 28 maggio 1975
Vincenzo Di Grazia, nato a Palermo il 13 febbraio 1980
Gaspare Ribaudo, nato a Palermo il 18 maggio 1991
Antonino Ribaudo, nato a Palermo il 20 giugno 1967
Cosimo Calì, nato a Palermo il 6 febbraio 1973
Emanuele Cannata, nato a Palermo il 31 luglio 1995
Mario Giordano, nato a Palermo il 17 gennaio 2001
Emanuele Rughoo Tejo, nato a Palermo il 4 maggio 1976
Francesco Fazio, nato a Palermo il 19 giugno 1997

"O fai come ti diciamo noi o ti distruggiamo il locale" | Video

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Bellolampo: uomo ucciso da una cavalla durante il parto, grave il figlio

  • Incidente a Monreale, scontro frontale tra due auto sulla circonvallazione: un morto

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

  • Nuova tragedia in sala parto: neonata muore alla clinica Triolo Zancla

  • Finanzieri in una palestra di Cefalù, sequestrate attrezzature per il fitness: "Erano contraffatte"

  • Francesco Benigno in tv: "Mio padre mi legava con le catene, ho dormito dappertutto"

Torna su
PalermoToday è in caricamento