rotate-mobile
Mafia

Il vecchio boss di Pagliarelli Settimo Mineo al 41 bis vuole vedere i pronipoti: "Non ne ha diritto"

La Cassazione ha definitivamente bocciato l'istanza del mafioso che chiedeva di poter incontrare i bambini, nipoti di suo fratello. Per i giudici sono parenti di quarto grado e non è previsto. Se fossero stati discendenti dei suoi figli, invece, avrebbe potuto avere un colloquio con loro

Il vecchio boss di Pagliarelli, Settimo Mineo, 84 anni, chiedeva di poter incontrare - nonostante sia recluso al 41 bis - i suoi pronipoti, tutti minorenni e nipoti del fratello, ma la prima sezione Cassazione, come già avevano fatto il magistrato e il tribunale di Sorveglianza di Sassari, ha rigettato definitivamente la sua istanza in quanto si tratta di parenti di quarto grado e che, dunque, non ritentrano tra quelli autorizzati da una circolare del Dap del 2017.

La mappa dei boss palermitani al 41 bis

Il mafioso, che avrebbe dovuto essere a capo della ricostituita Commissione provinciale di Cosa nostra, come emerso con l'operazione "Cupola 2.0" di dicembre 2018, è stato condannato dal collegio presieduto da Angela Tardio a pagare le spese processuali. Secondo i giudici, infatti, i colloqui sono ammessi solo con parenti fino al terzo grado e i pronipoti da parte del fratello sono invece di quarto grado.

Il boss Spera vuole lasciare il 41 bis e rifiuta le cure

Mineo aveva fatto ricorso contro la decisione del tribunale di Soveglianza di Sassari, città in cui è detenuto, del 9 giugno dell'anno scorso, che a sua volta aveva confermato quella del magistrato di Sorveglianza: secondo la sua difesa, infatti, nella tabella del Dap sono inseriti tra i famigliari con cui è possibile avere colloqui al 41 bis pure i pronipoti. E di fatto è proprio così, ma come spiega adesso la Cassazione in quel caso ci si riferisce ai nipoti del figlio (che sono parenti di terzo grado) e non già di un fratello, come nel caso del boss.

Anche Pippo Calò contro il carcere duro

La Suprema Corte ha stabilito che il ricorso di Mineo "non merita accoglimento", spiegando che "la circolare del Dap ha opportunamente chiarito chi siano i famigliari con i quali il detenuto può svolgere i colloqui, individuandoli nei parenti e affini entro il terzo grado, con un corretto esercizio del potere organizzativo che assicura un adeguato contemperamento tra le esigenze di sicurezza, da un lato, e quelle di conservazione e mantenimento delle relazioni affettive famigliari del detenuto, dall'altro", si legge nella sentenza.

Per i giudici "i figli del nipote ex fratre, a differenza dei figli del nipote ex filio, sono parenti di quarto grado e quindi, al di là di quanto possa desumersi dalla tabella riepilogativa contenuta nella circolare dell'Amministrazione penitenziaria", i pronipoti "sono prima indicati quali parenti (ovviamente di terzo grado) del coniuge e poi (sempre nello stesso grado) per definire il rapporto di affinità del coniuge con gli stessi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il vecchio boss di Pagliarelli Settimo Mineo al 41 bis vuole vedere i pronipoti: "Non ne ha diritto"

PalermoToday è in caricamento