rotate-mobile
Mercoledì, 12 Giugno 2024
Mafia Ciaculli

Il boss ergastolano di Ciaculli vuole i domiciliari: "Ha 90 anni ed è malato", ma i giudici dicono no

Il caso di Salvatore Prestifilippo recentemente colpito anche da un ictus e condannato al fine pena mai per un omicidio commesso nell'ottobre del 1981. Per la Cassazione "è ancora pericoloso e in carcere può ricevere le cure e l'assistenza necessarie"

Compirà 90 anni il prossimo 8 aprile. Vista l'età, Salvatore Perstifilippo, boss di Ciaculli condannato all'ergastolo per un omicidio commesso nel 1981, ha diversi problemi di salute, tanto che in tempi recenti è stato pure colpito da un ictus cerebrale ed è stato sottoposto ad un delicato intervento. Proprio per questo ha chiesto di poter scontare la pena agli arresti domiciliari. Un'istanza che è stata però bocciata in tutti i gradi di giudizio, fino all'ultima pronuncia, quella della prima sezione della Cassazione: nel carcere di Parma dov'è detenuto, secondo i giudici, può infatti ricevere tutte le cure e l'assistenza di cui ha bisogno.

La sentenza è stata emessa nei mesi scorsi, ma PalermoToday ne è venuto a conoscenza solo ora, dal collegio pesieduto da Monica Boni, anche sulla scorta dei pareri forniti sia dalla Dda che dalla questura di Palermo - che hanno "ritenuto attuale la pericolosità sociale del detenuto, evidenziata dall'assenza di collaborazione con la giustizia e dalla sua storia criminale, essendo lo stesso noto esponente della famiglia mafiosa di Ciaculli" - ma anche delle relazioni sanitarie.

Prestifilippo, soprannominato "Bruciamontagna", è un nome decisamente di peso nella storia di Cosa nostra. Amico personale del "papa", Michele Greco, e zio di Mario Prestifilippo, uno dei killer più sanguinari, trucidato a sua volta nel 1987. Il mafioso era stato coinvolto nel processo di Catanzaro e poi nel Maxiprocesso, dove venne condannato a 16 anni di reclusione. Aveva fatto però perdere le sue tracce subito dopo le rivelazioni di Tommaso Buscetta. Venne catturato a giugno del 1989. Nel 2004 era arrivata la condanna all'ergastolo nel processo "Agate+45", su ben 77 omicidi di mafia, tra cui anche quello dell'imprenditore Libero Grassi. Prestifilippo è stato ritenuto responsabile di un delitto commesso il 14 ottobre del 1981.

Per la difesa, il boss di Ciaculli avrebbe problemi di vista e udito e per la sua età molto avanzata e il "grave stato di infermità fisica" e avrebbe quindi diritto di andare ai domiciliari. Anche perché già in due circostanze, il 16 dicembre 2014 e il 22 novembre 2016, il tribunale di Sorveglianza di Milano e Palermo, avevano già disposto la detenzione in casa "dopo aver accertato il grave stato di salute del detenuto" e che durante i 4 anni trascorsi agli arresti domiciliari Prestifilippo "aveva sempre rispettato le regole".

Per la Cassazione, che ha confermato le precedenti decisioni sia del magistrato che del tribunale di Sorveglianza, il ricorso è infondato. Secondo i giudici, una prima relazione sanitaria ha stabilito che "le condizioni cliniche del detenuto erano considerate come discrete e stabili, gestibili in ambiente carcerario", una seconda aveva "certificato un quadro clinico del detenuto stabile e adeguatamente trattabile" in carcere. Inoltre "si evinceva che il quadro clinico poteva essere gestito in una struttura penitenziaria come quella di Parma - si legge nella sentenza della Suprema Corte - dove il detenuto era recluso, dotata di centro clinico e assistenza specialistica costante". Infine Pestifilippo "veniva regolarmente monitorato e sottoposto a visite e accertamenti di cui necessitava, con somministrazione della terapia farmacologica prescritta dai vari specialisti", senza contare che era stato accompagnato in ospedale in seguito all'ictus.


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il boss ergastolano di Ciaculli vuole i domiciliari: "Ha 90 anni ed è malato", ma i giudici dicono no

PalermoToday è in caricamento