menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il carcere Pagliarelli

Il carcere Pagliarelli

Clan di Porta Nuova, due boss tornano dietro le sbarre

Questo l'effetto di una sentenza della Cassazione, relativa all'operazione "Pedro", per la quale i ricorsi da loro presentati sono stati ritenuti inammissibili. Si tratta di Tommaso Di Giovanni e Calogero Lo Presti

Erano stati liberati dopo cinque anni di carcere, ma adesso due boss del clan Porta Nuova dovranno tornare dietro le sbarre: Tommaso Di Giovanni e Calogero Lo Presti dovranno scontare rispettivamente 3 anni e 5 mesi e 4 anni e 3 mesi. E’ questo l’effetto di una sentenza della Cassazione relativa all’operazione dei carabinieri "Pedro" e secondo cui i ricorsi da loro presentati sulle condanne sono stati considerati inammissibili.

Si riferiva anche a loro due il questore Renato Cortese quando ha manifestato il proprio timore istituzionale per alcune scarcerazioni "eccellenti". Lo Presti – prima del pronunciamento della Cassazione - era sottoposto alla misura cautelare del divieto di avvicinamento alla Sicilia e per questa ragione si trovava a Villa San Giovanni, mentre Di Giovanni poteva muoversi liberamente.

Adesso saranno trasferiti rispettivamente in un carcere di Reggio Calabria e al Pagliarelli, togliendo “dalla strada” due affiliati al clan che - negli ultimi anni - ha fatto registrare le maggiori fibrillazioni. Risale allo scorso 22 maggio l’omicidio di Giuseppe Dainotti, freddato a colpi di pistola in via D’Ossuna. Anche lui era tornato in libertà dopo 25 anni di detenzione dopo una condanna per omicidio. Nel 2014, invece, era toccato a Giuseppe Di Giacomo.

(Nelle foto in basso, da sinistra, Tommaso Di Giovanni e Calogero Lo Presti)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento