Mafia, duro colpo al clan di Borgetto: scattano 10 arresti

Operazione dei carabinieri. Gli arrestati sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione mafiosa, estorsione e intestazione fittizia di beni

Associazione mafiosa, estorsione e intestazione fittizia di beni. Maxi operazione dei carabinieri che all'alba di oggi hanno eseguito 10 misure cautelari nei confronti di esponenti della famiglia mafiosa di Borgetto. Le misure sono state emesse dal gip di Palermo, su richiesta della Procura distrettuale.

Le indagini sono partite nel 2012: i carabinieri di Partinico, coordinati dalla Procura distrettuale di Palermo, hanno avviato un approfondito monitoraggio sulla famiglia mafiosa di Borgetto, con particolare riguardo alle figure di Antonino Giambrone e dei fratelli Tommaso e Francesco. Gli elementi acquisiti hanno evidenziato da subito il ruolo di comando assunto da Antonino Giambrone, rivelando le dinamiche associative del clan e le faide tra famiglie per l'affermazione sul territorio.

L'11 febbraio del 2013, infatti, fu scarcerato Nicolo' Salto, storico esponente mafioso in opposizione allo schieramento della famiglia Giambrone:  una contrapposizione che portò all'omicidio di Antonino Giambrone. Salto, tornato in libertà, cercò immediatamente di imporre la sua presenza sul territorio, tant'è che i carabinieri registrarono i primi segnali di affermazione in alcuni danneggiamenti a imprenditori locali.

Nell'aprile del 2013, Giambrone fu arrestato nell'operazione "Nuovo Mandamento". Poco dopo, in un incontro a Borgetto, Salto rassicurò il padre di Giambrone sul fatto che il figlio non sarebbe stato abbandonato. L'incontro segnò una pax mafiosa tra clan rivali e l'affermazione di Salto. Successivamente seguirono fitti incontri tra i Giambrone e Nicolo' Salto, tesi a delineare il programma criminale sul territorio. Il gruppo criminale, a questo punto diretto da Salto, si è avvalso dei Giambrone per la raccolta dei proventi delle estorsioni. Il sostegno logistico è stato fornito invece da Antonino Frisina, autista di Salto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le attività tecniche hanno inoltre consentito di documentare l'interesse  della compagine mafiosa a condizionare le scelte amministrative del comune di Borgetto, con particolare riguardo all'esecuzione di alcuni lavori pubblici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • Coronavirus, in Sicilia morti altri tre anziani: 75 i nuovi contagi, più della metà a Palermo

  • "Cocktail in mano e mascherine al gomito": due pub chiusi per violazione norme anti Covid

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento