menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I rilievi sul luogo dell'omicidio

I rilievi sul luogo dell'omicidio

Omicidio a Belmonte Mezzagno, ucciso il fratello di un boss

La vittima è Agostino Migliore, 45 anni. Freddato con diversi colpi di arma da fuoco in via Palmiro Togliatti. Il fratello della vittima, Giovanni, era stato arrestato nell'ambito dell'operazione antimafia "Cupola 2.0". Indagano i carabinieri

Il rumore dei proiettili ha svegliato Belmonte Mezzagno. Intorno alle 5 del mattino è stato ucciso Agostino Migliore, 45 anni, fratello di Giovanni Salvatore, boss arrestato nell'operazione "Cupola 2.0" con la quale è stata fermata la riorganizzazione della commissione provinciale di Cosa nostra.

Le immagini dal luogo dell'agguato | Video

Migliore, che gestiva un supermercato in paese, è stato raggiunto da diversi colpi di arma da fuoco mentre si trovava all'interno della sua Audi in via Palmiro Togliatti, a pochi passi dalla sua abitazione. Il fratello è ritenuto uomo di fiducia del boss Filippo Bisconti, che fino al dicembre 2018 ha retto il mandamento, poi Bisconti ha scelto di collaborare con la giustizia. Indagano i carabinieri.  

Il sindaco: "Abbiamo paura e siamo preoccupati"

Si tratta del quarto episodio di sangue nel giro di un anno. Il 10 gennaio 2019 è stato ucciso Vincenzo Greco, genero del boss Casella. L'8 maggio a cadere sotto i colpi dei killer è stato il commercialista Antonio Di Liberto, fratello dell'ex sindaco e cugino del pentito Bisconti. Il 2 dicembre scorso invece due sicari spararono in mezzo alla folla, nel corso principale del paese, per tentare di uccidere l'imprenditore edile Giuseppe Benigno. Nell'ambito delle indagini sulla faida i carabinieri avevano arrestato un mese fa quattro persone, tra le quali Salvatore Tumminia ritenuto il nuovo capomafia di Belmonte Mezzagno. 

Fonte AdnKronos

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento