rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Mafia

Il boss Messina Denaro diserta il processo a Caltanissetta, il suo autista risponde ai magistrati

Il capomafia di Castelvetrano ha rinunciato a partecipare all'udienza anche se era stato predisposto il videocollegamento con il carcere dell'Aquila dove è detenuto al 41 bis. Giovanni Luppino avrebbe invece parlato con i pm durante il suo interrogatorio

Il boss Matteo Messina Denaro, nonostante fosse stato predisposto il videocollegamento con il carcere di L'Aquila dove è recluso al 41 bis, ha rinunciato a partecipare all'udienza del processo d'appello sui mandanti delle stragi del 1992 in corso a Caltanissetta. Nell'udienza di questa mattina Messina Denaro era difeso da un avvocato d'ufficio, Salvatore Baglio, ma ha già nominato la nipote, Lorenza Guttadauro, come legale di fiducia. L'udienza è stata rinviata al 9 marzo.

Processo Messina Denaro, la sedia vuota in video conferenza - foto Ansa

Contemporaneamente, invece, nel carcere di Pagliarelli, l'uomo che lunedì scorso lo ha accompagnato alla clinica Maddalena, Giovanni Luppino, e che è accusato di favoreggiamento aggravato, avrebbe deciso di rispondere alle domande dei magistrati durante l'interrogatorio di garanzia. Luppino è difeso dall'avvocato Giuseppe Ferro e avrebbe parlato con il procuratore aggiunto Paolo Guido ed i sostituti Pierangelo Padova e Alfredo Gagliardi. L'interrogatorio è duranto circa un'ora.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il boss Messina Denaro diserta il processo a Caltanissetta, il suo autista risponde ai magistrati

PalermoToday è in caricamento