rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Mafia Brancaccio

I retroscena della cattura del boss Guttadauro: era in Marocco da mesi, bloccato al rientro in Italia

L'ordinanza di custodia cautelare era pronta dalla fine di dicembre. Gli inquirenti hanno però deciso di aspettare il ritorno a Palermo, avvenuto sabato sera, per eseguirla. Il mafioso avrebbe avuto pronto anche il biglietto per tornare in Nord Africa. Durante l'interrogatorio ha deciso di non rispondere al gip, mentre il figlio ha respinto le accuse

Doveva essere arrestato a dicembre, Giuseppe Guttadauro, il "dottore" di Cosa nostra, bloccato invece assieme al figlio più piccolo, Mario Carlo, sabato sera dai carabinieri del Ros. L'ordinanza di custodia cautelare del gip Claudia Rosini per il mafioso era infatti già pronta da qualche mese, ma lui si trovava in Marocco, dove altri suoi figli gestiscono un'importante attività nel settore ittico. Si è deciso così di aspettare che tornasse in Italia - ed è successo appunto sabato - per arrestarlo.

Le "lezioni" di mafia ai figli: "Riina era una bestia, ma questi sono degli incapaci"

Oggi entrambi gli indagati sono stati interrogati. Guttadauro padre ha deciso di avvalersi della facoltà di non rispondere, mentre il figlio ha invece respinto ogni accusa. Sono entrambi difesi dall'avvocato Raffaele Bonsignore.

Da tempo la Dda, diretta dal procuratore aggiunto Paolo Guido, indagava sul conto di Guttadauro, già condannato per ben tre volte per mafia e che, come hanno ricostruito i sostituti Francesca Mazzocco e Bruno Brucoli, avrebbe continuato a stare in pista, anche a Roma, dove ormai si era trasferito. In città si sarebbe servito del figlio, una sorta di alter ego, secondo la Procura, per gestire i suoi affari.

"Corna, infamità e bastonate": lo scontro con gli Abbate della Kalsa

La richiesta di arresto per il boss risale all'aprile dell'anno scorso. E' stata poi riassegnata a settemtrre ad un altro giudice, Claudia Rosini, che l'ha accolta e depositata alla fine dello scorso dicembre. Un frangente in cui per eseguire la misura ci sarebbero state delle difficoltà, visto che l'indagato si trovava in Marocco. Si è deciso dunque di aspettare, sperando che tornasse presto in Italia.

E proprio sabato scorso Guttadauro è salito su un volo diretto a Palermo dal Marocco, facendo scalo a Roma Fiumicino. All'arrivo a Punta Raisi è stato così bloccato dal Ros, che ha poi eseguito anche la misura nei confronti del figlio. Il boss avrebbe avuto peraltro il biglietto pronto per tornare in Marocco.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I retroscena della cattura del boss Guttadauro: era in Marocco da mesi, bloccato al rientro in Italia

PalermoToday è in caricamento