La "sciarra" nel clan per uno scavo: "Sei un carabiniere, altro che uomo d'onore!"

Come emerge dall'inchiesta "Teneo" dei carabinieri, i boss di Tommaso Natale avrebbero controllato anche il più piccolo cantiere. Vincenzo Taormina sarebbe arrivato a contendersi anche poche centinaia di euro con i cognati e non avrebbe esitato ad insultarli per strada: "Sciacquati la bocca quando parli con me, infame!"

Scavi e lavori edili, un affare ghiotto per i boss che a Tommaso Natale, secondo la Procura, avrebbero controllato anche il più piccolo cantiere, attenti e, come parassiti, pronti a farsi la guerra per poche centinaia di euro. Perché sarebbero arrivati anche a contenderseli questi lavori a volte insignificanti, insultandosi per strada, a suon di “sei carabiniere” e di “tu uomo d’onore sei?”. Molti attriti in questo settore, come emerge dalle intercettazioni dell’operazione “Teneo” dei carabinieri, vi sarebbero stati tra Vincenzo Taormina e i suoi cognati. Proprio una di queste liti è stata captata dalle microspie ed è riportata nell’ordinanza del gip Fabio Pilato, che ha accolto le richieste di arresto del procuratore aggiunto Salvatore De Luca e del sostituto Amelia Luise.

VIDEO | E il boss fece scappare gli acquascooter da Sferracavallo

"Lo scavo lo devo fare io!"

La discussione tra Taormina e uno dei suoi cognati inizia alla fine di febbraio del 2017, quando il primo impone all’altro: “Io domani mattina ci porto l’escavatore là, capito? Sì, ci porto l’escavatore!” e di fronte alle perplessità del parente rincarava, sostenendo di avere accanto la persona che aveva richiesto lo scavo: “Siccome ce l’ho qua accanto, mi ha detto: ‘Tuo cognato no!’. Lui lo sa che lo scavo lo devo fare io, punto! Domani mattina c’è l’escavatore là! Va bene? Ciao”.

Non solo la "mesata", per i figli dei carcerati di Tommaso Natale anche la torta di compleanno

"Portami rispetto!"

Mentre Taormina avrebbe fatto riferimento a Francesco Paolo Liga, il cognato, invece, sarebbe stato sotto la protezione di Andrea Gioè, che sarebbe stato quindi informato della prepotenza di Taormina. I carabinieri hanno successivamente intercettato lo scambio di insulti tra i due cognati: “Vai a trovare Andrea (Gioè, ndr) e glielo vai a dire, non mi rompere la minchia”, diceva Taormina e il cognato replicava: “Andiamoci insieme!”. Riprendeva Taormina: “Mi devo fare il lavoro, mi devo fare il lavoro, hai capito, è come dico io, gliel’ho detto a Francesco (Liga, ndr)”, insisteva Taormina e aggiungeva: “Mi devo fare il lavoro, ma il rispetto dove minchia me lo porti tu? Dove me lo porti il lavoro?” e il cognato ribatteva: “Me ne porti rispetto a me?”.

Nel silenzio di Capo Gallo l'incontro tra i boss Lo Piccolo e Caporrimo"

"Sei un carabiniere!"

A quel punto si passava agli insulti: “Infame”, attaccava Taormina, “carabiniere”, rispondeva il cognato. “Carabiniere ci sei tu! E ti devi sciacquare la bocca con me” proseguiva Taormina, ma era il cognato a chiudere la frase: “Tu ti devi sciacquare la bocca con me, esce letame dalla tua bocca! Sei una merda!”.

L'imprenditore "sbirro" che ha fatto arrestare i mafiosi: "Non li pagherò mai"

"Uomo d'onore sei?"

Taormina riteneva di aver ragione perché “io mi sono visto con quello”, cioè con Gioè, “e mi ha detto: ‘Fatti il lavoro’, ora, tre giorni fa”. Allora il cognato contrattaccava: “Tu sei uomo d’onore? Sei uomo d’onore tu?” e l’altro ribatteva: “O ci sei tu uomo d’onore? Sei tu uomo d’onore e le fai tu le cose di uomo d’onore! Andrea cammina appresso a me!”.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La risoluzione della contesa

Alla fine, però, Taormina avrebbe avuto la peggio e lo si deduce dalla telefonata che avrebbe fatto alla persona che aveva richiesto lo scavo, dal contenuto completamente opposto a quella iniziale: “Tu devi combattere con mio cognato – diceva infatti – domani mattina, quando è, prendi e ti fai portare l’escavatore da lui, è così, è giusto così, diglielo: ‘Ho parlato con tuo cognato e l’escavatore glielo porti tu’, va bene? Fai quello che ti dico io”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stretta anti covid, ecco l'ordinanza: mascherine all'aperto, divieto di stazionare in strada

  • Virus, verso una nuova ordinanza: mascherine obbligatorie all'aperto e stretta sulla movida

  • Pizzaiolo positivo al Coronavirus, chiuso lo storico panificio Graziano

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • Reddito di cittadinanza, per il mese di sospensione potranno essere chiesti i buoni spesa

  • Via dei Cantieri: si sente male mentre passeggia, entra in un centro estetico e muore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento