rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Mafia Resuttana-San Lorenzo

Arrestato Vincenzo Graziano, reggente del mandamento di Resuttana

Blitz degli uomini della guardia di finanza, che impegnati un'operazione mirata alla ricerca di armi ed esplosivo, hanno fermato il boss erede di Vito Galatolo, oggi collaboratore di giustizia. Il provvedimento è stato firmato dal procuratore aggiunto Teresi

La guardia di finanza di Palermo è impegnata dall'alba di oggi in un'operazione mirata alla ricerca di armi ed esplosivo nel mandamento mafioso di Resuttana. Nel corso dell'operazione, disposta dalla Procura distrettuale antimafia del capoluogo siciliano, è stato fermato Vincenzo Graziano, 53 anni, ritenuto "reggente" del mandamento palermitano di Resuttana dopo l'arresto di Vito Galatolo, 41 anni, oggi collaboratore di giustizia. (GUARDA IL VIDEO DELL'ARRESTO). Impegnati - nelle prime ore di questa mattina - oltre 120 militari del nucleo speciale polizia valutaria e del comando provinciale di Palermo. Eseguite decine di perquisizioni. Soprattutto in un nascondiglio-bunker in fondo Pipitone, all'Acquasanta (GUARDA LE IMMAGINI).

Arrestato lo scorso 23 giugno nell'ambito dell'operazione "Apocalisse", Graziano era poi tornato in libertà a luglio. Il provvedimento di fermo, per il reato di associazione mafiosa, è stato firmato dal Procuratore aggiunto Vittorio Teresi e dai sostituti Francesco Del Bene, Amelia Luise, Annamaria Picozzi, Dario Scaletta e Roberto Tartaglia.

Acqusanta, blitz nel bunker di Galatolo

LEGGI ANCHE - I RETROSCENA: ALL'ACQUSANTA LA GOMORRA DI PALERMO

Nelle scorse settimane, dopo le inquietanti rivelazioni di Galatolo, è scattata la ricerca all'esplosivo indirizzato al pm Nino Di Matteo. E proprio un mese fa è stata messa "sottosopra" la campagna monrealese di Vincenzo Graziano. Il terreno è stato setacciato centimetro per centimetro anche con l’uso dei metal detector. Gli inquirenti stanno cercando di inquadrare pure il momento in cui i boss avrebbero deciso l’attentato. Potrebbe essere dicembre 2012, quando Vito Galatolo ("u picciriddo", ufficialmente residente a Mestre), poteva tornare per seguire i processi. Due i summit ricostruiti nel blitz Apocalisse, uno a Partanna Mondello e uno nella zona di via Lincoln. Fu in queste occasioni che venne "apparecchiato" l'attentato contro Di Matteo. Da qui la messa in moto dei meccanismi di protezione e la caccia al nascondiglio nel quale sarebbe stato nascosto l'esplosivo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arrestato Vincenzo Graziano, reggente del mandamento di Resuttana

PalermoToday è in caricamento