menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Le pompe di benzina del boss": arrestato Vernengo, sequestrate 3 aziende

Operazione della guardia di finanza. Personaggio chiave dell'indagine è lo storico esponente della famiglia mafiosa di Santa Maria di Gesù, accusato di intestazione fittizia di beni e autoriciclaggio

Tre imprese sequestrate, operanti nel settore della distribuzione di carburante e del rimessaggio di barche, e un'ordinanza di arresti domiciliari per intestazione fittizia di beni e autoriciclaggio. Operazione della guardia di finanza. Personaggio chiave dell'indagine è Cosimo Vernengo, storico esponente della famiglia mafiosa di Santa Maria di Gesù.

Le complesse ed articolate indagini, coordinate dal procuratore aggiunto Salvatore De Luca, hanno fatto emergere una serie di connessioni economiche occulte, riconducibili al boss Vernengo. Tanta era la voglia del figlio di Pietro 'u Tistuni' di rimettersi in gioco che dopo i 7 anni di detenzione e la scarcerazione nell'ottobre 2011, si era da subito attivato andando alla "ricerca spasmodica di attività in cui investire i proventi di origine illecita del clan" spiegano i finanzieri. Per fare questo, l'uomo ha individuato una serie di imprese - tutte a Palermo - che ha fatto intestare a suoi parenti molto giovani (tra cui il figlio e il genero).

Le indagini svolte dai finanzieri hanno permesso di svelare il ruolo di prestanome dei vari parenti del boss, reale dominus delle attività. In ragione degli elementi emersi, i giudici hanno disposto, oltre agli arresti domiciliari per Vernengo, anche il sequestro di tre imprese. Nel mirino dei finanzieri è finito il distributore Q8 di Giuseppe Farina, che si trova in viale Regione Siciliana 2028, nella zona di Pagliarelli, e per il Fuel di Antonino Sampino, in via dell'Olimpo 30. Farina e Sampino sono rispettivamente il genero e il fratello del cognato di Sampino.

L'ordinanza è stata emessa dal gip su richiesta della Procura della Repubblica di Palermo. L'operazione è stata effettuata dagli uomini del nucleo speciale di polizia valutaria della guardia di finanza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento