Mafia

Strage di via Carini, il ricordo di Rita Dalla Chiesa va anche alla cognata: "Fu lei a proteggerci"

Con un post e due fotografie su Facebook la figlia del generale, a 39 anni dall'attentato, omaggia la moglie del fratello Nando, scomparsa a maggio per una malattia: "Ripulì dal sangue l'orologio, l'anello e la catenina di papà e anche la borsetta di Emanuela per non farcelo vedere..."

Le due foto pubblicate da Rita Dalla Chiesa sul suo profilo Facebook

Il ricordo della barbara uccisione di suo padre è sempre vivo, ma quest'anno Rita Dalla Chiesa, sul suo profilo Facebook, ha voluto rendere omaggio anche alla moglie di suo fratello Nando, Emilia Cestelli, deceduta a maggio dopo una malattia. Rita Dalla Chiesa ha accompagnato il suo post con due fotografie in cui, non a caso, è presente anche sua cognata, prima della strage di via Carini, di cui oggi ricorre il trentanovesimo anniversario, e dopo, incinta e "a proteggere noi fratelli".

Palermo ricorda il Generale Dalla Chiesa

"In queste due foto - scrive Dalla Chiesa - la nostra vita a metà. La serenità prima, la sofferenza violenta dopo. E lei, Emilia, c'era sempre. Prima abbracciata sorridente a Nando e dopo, con le mani sul ventre, a proteggere Doretta, che sarebbe nata a gennaio. E, nei giorni a seguire, a proteggere noi tre fratelli, prendendosi addosso lei il dolore di vedere come quei 'maledetti per sempre', con le loro armi, avevano ridotto la catenina, l'orologio e l'anello di papà. E la borsetta di Emanuela (Setti Carraro, ndr). Aveva lavato lei il loro sangue - rimarca - perché non lo vedessimo noi. Oggi Emù è più presente che mai. Sempre. Con amore. Grazie, biondina del Prof". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strage di via Carini, il ricordo di Rita Dalla Chiesa va anche alla cognata: "Fu lei a proteggerci"

PalermoToday è in caricamento