menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto archivio

Foto archivio

"Lo stragismo mafioso resta un pericolo attuale": l'allarme di Di Matteo

Il magistrato della Direzione distrettuale antimafia è intervenuto alla trasmissione di Raiuno "Petrolio". Parole che arrivano a pochi giorni dalla contestata intervista a Salvatore Riina, figlio di Totò Riina sulla stessa rete

"Le stragi che sono state compiute in Italia e in Sicilia anche a opera di Salvatore Riina non hanno uguali al mondo. Recenti acquisizioni investigative, risalenti a due anni fa, ci fanno ritenere che il pericolo di un ritorno allo stragismo sia sempre attuale". A parlare è Nino Di Matteo, il magistrato della Direzione distrettuale antimafia, intervenendo alla trasmissione di Rai1 "Petrolio" condotta da Duilio Giammaria.

Le parole di Di Matteo arrivano a pochi giorni dalla messa in onda di un'intervista a Salvatore Riina, figlio di Totò Riina. Un'apparizione avvenuta nel salotto mediatico di Bruno Vespa a Porta a Porta e che ha generato violente polemiche e prese di posizione. Ultima, in ordine di tempo, quella del Comune di Palermo che ha deciso di denunciare il sede civile la Rai per le modalità con cui è stata condotta l'intervista al figlio del boss.

Nino Di Matteo-2"Già in passato si era ritenuto che Cosa nostra avesse smesso di far parlare le armi e le bombe e poi ci si è dovuti ricredere. Non abbasserei la guardia - ha sottolineato Di Matteo - perchè fino a due anni fa sono emersi elementi concreti che fanno pensare che la mafia si stesse predisponendo a tornare a un attacco violento nei confronti delle istituzioni anche con attentati nei confronti di magistrati di Palermo".
"Io - ha concluso - credo che sarebbe un errore ritenere chiusa per sempre una pagina di violenta contrapposizione allo Stato". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento