Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca

Mafia e usura, sequestrati beni per 2,7 milioni di euro

I provvedimenti della guardia di finanza hanno riguardato un 75enne affiliato alla famiglia mafiosa della Guadagna e un 49enne accusato di aver concesso prestiti con un un tasso del 120% annuo

Beni per un valore complessivo di oltre 2,7 milioni di euro, sono stati confiscati dalla guardia di finanza in esecuzione di due distinti provvedimenti della sezione Misure di prevenzione del Tribunale.

Il primo e più ingente, dell'importo di 2,3 milioni, riguarda un uomo di 75 anni affiliato alla famiglia mafiosa della Guadagna, arrestato nel 1984 e condannato in via definitiva nel 1990 a otto anni e sei mesi, quindi nuovamente arrestato nel 2009 per reati di mafia e condannato nel 2010 a tre anni e dieci mesi di reclusione. La confisca ha colpito 9 unità immobiliari tra cui una palazzina, diversi appartamenti, una villa e magazzini commerciali, 2 autoveicoli, 1 autocarro e disponibilità finanziarie.

Un appartamento e depositi bancari sono stati invece confiscati a un palermitano di 49 anni, arrestato nel 2009 con l'accusa di aver concesso prestiti a usura dal 2006 al 2009 ad alcuni imprenditori con un tasso del 120% annuo. L'uomo è stato definitivamente condannato per questi reati nel 2010, a cinque anni di reclusione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mafia e usura, sequestrati beni per 2,7 milioni di euro

PalermoToday è in caricamento